La (non) classe politica di cui non c’è bisogno

in POLITICA

Nessuno ha detto a Borghezio che sottrarre libri all’Archivio di Stato è un furto? Eppure Borghezio è pure  avvocato. Ha dunque conseguito la laurea in giurisprudenza e superato l’esame di Stato per diventarlo

Fu anche lambito in una vicenda legata ad una cooperativa edilizia per una questione  di assegni e cambiali, che partiva da Venaria per arrivare fino a Borgosesia e Vercelli. Erano i primi anni ’80,  e lui dopo si buttò in politica diventando un crociato contro l’intero Islam. Un leghista del Nord secessionista convinto, anche se, dicono le male lingue, sopportato da Umberto Bossi che, per allora -sempre si dice -, da buon lombardo non amava tanto i piemontesi. Erano tempi in cui il segretario regionale veniva detto segretario nazionale. Tempi in cui manco in Liguria c’erano i leghisti e la loro forza si fermava al di qua del Po. Nel 92 addirittura Borghezio fu sottosegretario del governo Berlusconi, sempre presente a Pondida contro Roma ladrona. Dal 2000 più volte parlamentare europeo. Ogni tanto qualche incidente con gli antagonisti che volevano buttarlo giù dal treno, solo che era in movimento. Non mi pare una cosa carina. Antagonisti che se non fossero esistiti, lui li avrebbe inventati. Viceversa avrebbe campato, politicamente parlando, molto meno. Il classico esempio di una (non) classe politica di cui non abbiamo minimamente nostalgia.

Patrizio Tosetto

Tags:

Recenti: POLITICA

Salvini e Conte

IL COMMENTO  di Pier Franco Quaglieni / Esattamente un anno fa difesi

IL METEO E' OFFERTO DA



Da qui si Torna su