Frenesia dell’estate e pandemia

in Rubriche

IL COMMENTO  di Pier Franco Quaglieni / Mario Soldati parlava della frenesia dell’estate, della voglia di sole, di mare, di sesso  che con il caldo diveniva sfrenata  gioia di vivere. Erano anni liberi e felici. Quelli che ad Alassio Mario Berrino aveva definito della “Gran Cagnara“  estiva 

.
Non è questa purtroppo  la prospettiva che ci troviamo di fronte quest’anno. Almeno le persone responsabili non possono lasciarsi andare alla vita spensierata di un passato che forse almeno per molti di noi non tornerà mai più. E’ triste dirlo, ma purtroppo forse è proprio così. L’ ultimo  fine settimana in quasi tutte le città e  soprattutto nelle località marine  ha rappresentato una forte criticità che va denunciata con fermezza e preoccupazione. Il distanziamento sociale non è stato rispettato e l’uso delle mascherine sembra diventato un optional.
.
Nelle  farmacie hanno registrato un calo nelle vendite delle mascherine, rimaste introvabili per mesi. Siamo in un momento in cui risale il contagio e c’e’ troppa gente irresponsabile che mette in gioco la salute propria e quella degli altri. Il rispetto della vita nostra e degli altri – va ribadito con forza –  è un valore a cui  non possiamo e non dobbiamo rinunciare. Troppi stupidi  ribaldi circolano indisturbati e il caso del manager veneto tornato dall’estero che ha infettato persone in modo irresponsabile, grida vendetta. E‘ un esempio di  cretineria   e di disprezzo della comunità in cui si vive,  che va sanzionato, senza se  e senza ma. Dobbiamo tutti darci una regolata perché quest’anno bisogna convivere con il virus, senza illuderci di essere usciti dal tunnel. Nel budello di Alassio domenica  c’erano persone ammassate e senza mascherina. E parliamo di una città vistosamente toccata dal Coronavirus alla fine di febbraio. Persino  Zingaretti, il segretario del Pd e il peggiore presidente di Regione, secondo il Sole 24 ore, ha tardivamente capito che  oggi bisogna stare molto attenti. Qualche mese fa parlava di ritorno alla normalità ,andando spavaldamente e irresponsabilmente  a brindare a Milano ai Navigli. Oggi è lo stesso ministro Speranza a chiedere negli aeroporti  controlli  dei viaggiatori che rientrano dall’estero e controlli ferrei su migranti che continuano a sbarcare ,creando problemi anche di ordine sanitario. L’Italia non può più farsi carico di queste realtà  perché siamo un paese alle corde ,entrato in una crisi  economica  comatosa. Siamo noi che dovremmo essere aiutati e non certo noi ad aiutare altri, come sostengono quelli che hanno smarrito quella che Weber chiamava  l’etica della responsabilità. Le ONG devono scegliere altri porti , quelli italiani non possono continuare ad essere disponibili . Le regole della pandemia vanno fatte rispettare a tutti .Anche per i migranti l’estate 2020 non può essere un’estate di sbarchi continui. Se non vogliamo tornare chiusi in casa a Ferragosto ,dobbiamo comportarci in modo responsabile. Personalmente ho minacciato un esposto ai Carabinieri nei confronti di gente che circola all’interno degli ascensori senza mascherine. Gente barbara, in fondo  forse neppure  degna di vivere, perchè non rispetta la vita degli altri e neppure la propria. L’esempio di Trump  che ha  festeggiato il 4 luglio ,provocando  migliaia e migliaia  contagi è l’espressione più vistosa di un’indecenza e di una irresponsabilità totale che va condannata senza riserve. E’ il peggiore presidente degli Stati Uniti in assoluto. Speriamo che la festa del 14 luglio in Francia riveli  un’altra responsabilità da parte di Macron. In Italia Conte pare ormai disinteressato alla pandemia dopo mesi di comparsate televisive continue. Oggi è alla prese con la pandemia economica, ma non sa decidere o non può decidere. E’ fermo in mezzo al guado e non sa frustare i cavalli, per ripetere una metafora di Nenni. Chiudere tutto e’ stato relativamente facile, riaprire diventa un’impresa difficile, se non impossibile. Sotto il profilo politico l’estate italiana è invece  simile a tante altre estati con un governo balneare  che fa pensare alla I I Repubblica ,preda di una rissa politica senza fine che rivela il degrado di un paese allo sbando. In fondo i tanti che vanno in giro senza mascherine e non rispettano le regole  forse hanno il governo che si meritano. Tra il resto, sarebbe interessante sapere che fine hanno fatto gli assistenti civici del ministro Boccia . Era un’idea un po’  balzana, quasi uno stigma da regime illiberale, ma un controllo sui distanziamenti  ci vorrebbe. Lo dimostrano i fatti. E anche in questo il Governo ha fallito.
.
Scrivere a quaglieni@gmail.com

Recenti: Rubriche

IL METEO E' OFFERTO DA



Da qui si Torna su