Verdi: “Fca, prestiti solo con garanzie”

in POLITICA

“Il 16 Maggio la multinazionale Fca ha annunciato di voler usufruire delle garanzie statali offerte dall’Italia con il Decreto Liquidità: si tratta di 6,6 miliardi, pari al 25% del fatturato consolidato della Fca Italy”

Facciamo un po’ di chiarezza: sebbene la richiesta di prestito è della Fca Italy, dove ha 55mila dipendenti e 16 fabbriche, essa paga in Italia solo le tasse sulla produzione e sulle vendite italiane; mentre i profitti di queste attività vanno all’estero (in particolare in Regno Unito dove ha la sede fiscale) e da lì tornano sotto forma di dividendi agli azionisti. Gli azionisti sfruttano così una tassazione dei dividendi più conveniente rispetto a quella italiana.
Noi Verdi-Europa Verde Torino condanniamo l’elusione fiscale della Fca attuata attraverso la pratica del “profit shifting” (trasferimenti di fondi infragruppo)e chiediamo così condizioni più stringenti:
📍piena partecipazione dei lavoratori nelle scelte strategiche dell’azienda
📍la condizionalità per Fca di redarre un piano occupazionale di lungo periodo per fornire garanzie ai lavoratori, già provati da anni di cassa integrazione
📍impegni concreti nell’aumentare gli investimenti sulla mobilità elettrica e sostenibile, stabilendo un piano di riconversione graduale del settore da inquinante a zero/bassa emissione
📍disincentivare la delocalizzazione,  cspostando le sedi legali (ora in Olanda) e fiscali (ora in Regno Unito) a Torino
Non vogliamo un ritorno alle solite dinamiche del passato (toccate con mano durante la crisi del 2008): lo stato come ammortizzatore e salvatore non è più applicabile nell’attuale contesto globalizzato, dove le multinazionali non sono più confinate in un singolo paese.
È per questo che pensiamo vada applicato un nuovo sistema economico per favorire una minore disuguaglianza socioeconomica e una maggiore sostenibilità ambientale.
I commissari dei Verdi / Europa Verde Torino, Antonio Fiore e Angela Plaku
Tags:

Recenti: POLITICA

IL METEO E' OFFERTO DA



Da qui si Torna su