Grimaldi (Luv): “Non nuovi poteri ma nuove procedure”

in POLITICA

Coronavirus, Grimaldi (LUV): Non servono nuovi poteri per il Presidente, ma nuove procedure per dare risposte alle persone. Riservare il lavoro domestico alla cura e attivare la cassa integrazione

“In apertura alla conferenza dei Capigruppo, il Presidente Cirio ha ribadito che siamo in guerra e che, con la nostra burocrazia, si muore. Io ho replicato che la Giunta ha già tutti gli strumenti straordinari per gestire la crisi dal punto di vista sanitario e che, se in guerra per sopravvivere si è costretti a uccidere l’altro, questo è invece il tempo della vicinanza e della solidarietà. Studiamo le procedure inedite e ‘speciali’ per dare le risorse alle persone, non nuovi poteri al Presidente” – dichiara il Capogruppo di Liberi Uguali Verdi al termine della riunione odierna.

Nella Capigruppo appena conclusa, avente a oggetto il rinnovo al 13 aprile dell’ordinanza regionale, Grimaldi ha chiesto ufficialmente di inserire restrizioni precise per le badanti, affinché il lavoro domestico prosegua solo per motivi di cura e di non autosufficienza.

“I colleghi Capigruppo mi hanno dato ragione” – commenta Grimaldi – “e il Presidente Cirio provvederà a inserire questo punto nella nuova ordinanza. ⁩È chiaro che badanti e collaboratrici domestiche stanno svolgendo un ruolo essenziale per chi non può provvedere a se stesso e ha bisogno di cure, ben diverso è continuare a fare le pulizie negli appartamenti. Tuttavia non ci sono solo gli attici, le villette e gli appartamenti dei benestanti che possono pagare lo stesso il loro stipendio, ma anche le case di tante famiglie ‘normali’. Molte collaboratrici già oggi sono state lasciate a casa senza uno stipendio. Ecco perché bisogna attivare anche per loro la cassa integrazione”.

Tags:

Recenti: POLITICA

IL METEO E' OFFERTO DA



Da qui si Torna su