Metro linea 2 in Sala Rossa

in POLITICA

Dall’ufficio stampa di Palazzo Civico

L’assessora ai Trasporti, Maria Lapietra, ha risposto questo pomeriggio, in Consiglio Comunale, ad un’interpellanza generale, relativa alla linea 2 di metropolitana, che vedeva come primo firmatario il capogruppo del Partito Democratico Stefano Lo Russo.

L’assessora ha ripercorso le tappe relative all’iter relativo alla progettazione e al finanziamento dell’infrastruttura, a partire dalla stipula del contratto con le società incaricate della progettazione, nel 2017, all’avvio dell’attività, nel 2018, con l’attività preliminare e la progettazione relativa alla tratta centrale e allo studio di fattibilità dei prolungamenti nord est e sud ovest, la cui relazione di sintesi è stata approvata nel novembre 2018.

“Il 31 ottobre scorso, ha spiegato Lapietra, i progettisti hanno provveduto a consegnare gli elaborati progettuali in versione definitiva dell’intero tracciato ed in questi giorni sono in fase di conclusione le attività di verifica del progetto che assumerà a breve la sua veste definitiva e validata”.

Il livello di progettazione che a breve sarà acquisito sarà un progetto di fattibilità tecnico economica, ha spiegato, che metteremo a bando chiedendo indietro il progetto definitivo”.

La nuova finanziaria, ha aggiunto, ha posto la sua attenzione su Torino dedicando risorse e si potrà così procedere ad indizione di una conferenza di servizi all’inizio del 2020 per l’approvazione del progetto e per la verifica di assoggettabilità alla valutazione di impatto ambientale”.

A questo si aggiunge la possibilità di ottenere fondi grazie al decreto del Ministero dei Trasporti destinato al finanziamento dei sistemi di trasporto rapido di massa (la scadenza dell’affidamento delle risorse sarà tra gennaio e febbraio) “che non vogliamo perdere”, ha sottolineato Lapietra. “Per questodovremo valutare quale dei 5 lotti funzionali, ciascuno dei quali contente un’area di deposito, collocata o in San Mauro o in Anselmetti (Porta Nuova – Rebaudengo – San Mauro, Rebaudengo – Porta Nuova – Anselmetti, Porta Nuova – Anselmetti, Porta Nuova – Anselmetti – Orbassano, Anselmetti – Orbassano) si potrà finanziare con un project financing e con la finanziaria e valutare quale estensione progettuale mettere in un accordo quadro per estendere il progetto ad un’altra parte della città”.

Una volta svolta la conferenza dei servizi, ha concluso, si potrà procedere con il bando di gara ad oggetto progettazione e realizzazione con indicazione della strada scelta per la gestione della linea 2 sulla base del progetto di fattibilità tecnico economica. Per questo è già stata concretizzata una collaborazione con Cassa Depositi e PrestitiLa gara avrà durata di circa un anno”.

IL DIBATTITO IN SALA ROSSA

Stefano Lo Russo (PD) Abbiamo avviato nel 2015 la procedura per la progettazione della liea 2, poi abbiamo assistito nella prima parte di questo mandato a uno stucchevole balletto tra sindaca, vicesindaco e assessore, rischiando di perdere i fondi Del Rio. Solo nel 2017 la giunta ha affidato l’incarico di progettazione, consegnato a novembre 2018. Ci ha stupito l’affermazione della sindaca sugli 840 milioni ottenuti dal governo, visto che la Giunta non ha ancora approvato alcun progetto preliminare, possibile che in questa situazione ci sia uno stanziamento così circostanziato? Se c’è un progetto, non mi risulta che al ministero orti lo abbiano visto. La nostra delibera del 2015 aveva un punto cruciale, sulla gestione della linea 2, lasciando il campo libero alle possibili opzioni, il contributo pubblico a fondo perduto o il meccanismo della concessione di costruzione e gestione. Il M5S parla di nazionalizzare le autostrade ma in Sala Rossa sposa la tesi della concessione a un operatore privato che integra con proprie risorse i fondi pubblici per realizzare l’opera e ottiene poi una remunerazione dalla gestione. Che fine farà GTT, quale sarà il livello di sovranità politica del Comune, ad esempio sulle tariffe? La realizzazione di una metropolitana ha due voci di costo fondamentali, le opere di ingegneria civile e il materiale rotabile, il costo del quale può variare molto a seconda della tecnologia scelta: e non è chiaro l’orientamento a questo proposito. Ci vuole un progetto che indichi scelte e costi. Abbiamo capito che di fatto volete privatizzare la linea 2 ma non ancora si capisce, tra i vari lotti, quali scelte verranno fatte sul punto di inizio dei lavori. La nostra scelta di iniziare dalla periferia Nord rispondeva a un’idea di politica urbanistica per riqualificare la zona, quando capimmo che volevate partire da Mirafiori chiedemmo di individuare comunque un’area di cantiere adatta a Nord. Ribadiamo che la costruzione della metro 2 deve partire da Nord e non da Sud, aspettiamo di capire quali siano le intenzioni e il modello organizzativo e gestionale scelti dalla Giunta. Vedremo come finirà la questione del coinvolgimento dei privati nella realizzazione dell’opera, ma è chiaro che non si può che coinvolgerli nel progetto (che oggi peraltro non esiste). E vedremo come si comporterà questa maggioranza quando  in Sala Rossa si voterà la deliberazione inerente l’opera

Francesco Tresso (Lista Civica per Torino) Dalla relazione dell’assessore non appare una direzione definita, ci sono già stati ritardi dovuti alla mancanza di chiarezza politica nella maggioranza. Eppure c’è un’attenzione particolare alla metropolitana di Torino, da parte del governo. Il partenariato pubblico/privato non è una delega totale a quest’ultimo, la parte pubblica vigila su costi e qualità del servizio. La politica deve avere idee precise, quella su dove avviare i lavori deve rispondere ad una visione della città, non può essere ridotta a un fatto puramente tecnico. Dobbiamo convocare una riunione di commissione dove l’assessore esponga con chiarezza al Consiglio progetto e ipotesi di partenariato, ma temo che da parte della maggioranza non ci sarà la capacità di trovare soluzioni, come per la ZTL.

Roberto Malanca (M5S) L’idea di linea 2 del metrò propugnata dalla giunta precedente non si giustificava economicamente e comportava la modifica del territorio in zona Cimitero Monumentale, facendo in modo che fosse la metro a creare la domanda e far sorgere nuovi insediamenti. La nuova ipotesi parte dalla domanda esistente e dalle sue prospettive, pensando ad estenderne il tracciato verso Orbassano. I cinque lotti previsti sono funzionali alle risorse ed alle scelte politiche. Va precisato che il rientro economico, nel project financing, non è necessariamente derivato dalla gestione del servizio, può derivare anche da canoni. Uno studio preliminare e uno studio di fattibilità tecnica e economica sono sostanzialmente la stessa cosa. I tempi della procedura sono stati finora i più rapidi visti in Italia, approfondiremo in commissione a gennaio.

Damiano Carretto (M5S): Su questo tema si sta creando dell’allarmismo ingiustificato, una speculazione elettorale da parte di consiglieri come l’ex assessore Lo Russo che lasciano intendere che di questo progetto non se ne farà nulla. E’ chiaro che finanziare l’infrastruttura con il project financing significa l’ingresso dei privati nell’operazione, come auspicato dal Partito Democratico. Ma per quale motivo la realizzazione e la gestione dell’opera dovranno per forza essere unite?
Il punto è che il progetto sulla linea due della metropolitana da parte della passata Giunta era sbagliato: poco più di una sorta di tram.
Domenico Carretta (Pd): E un’opera da regalare alle future generazioni. Oggi si parla di oltre 800 milioni di finanziamenti in arrivo a Torino per la linea due della metropolitana. E proprio perché i torinesi sanno di non potersi fidare della sindaca, scriveremo una dichiarazione di intenti per sostenere, e non mandare a monte, il progetto.