“Emergenza climatica? Meglio di no”

in POLITICA

Riceviamo e pubblichiamo

Il Consiglio Regionale del Piemonte ha bocciato,  la mozione del giorno sulla “dichiarazione dello stato di emergenza climatica e ambientale”, depositata e primo firmatario Il Consigliere Regionale d’opposizione della lista “LIBERI UGUALI- VERDI”, Marco Grimaldi.

La maggioranza di governo del Piemonte, guidata dal forzista Alberto Cirio, sostenuta anche dalla Lega e da Fratelli d’Italia ha dimostrato, ancora una volta, di non essere attenti e sensibili ai temi ambientali e ai cambiamenti climatici.

《Noi Verdi del Piemonte insieme al Consigliere Grimaldi ed ai tanti ragazzi del movimento Fridays For Future Torino ci siamo impegnati molto in questa mozione per cercare di sensibilizzare il tema ambientale e l’emergenza che stiamo vivendo.
La dichiarazione poteva essere una chiave per aprire la porta “all’economia green” e, dunque, per rilanciare un’economia piemontese sempre più in affanno, per creare nuovi posti di lavoro e per dirottare la nostra regione verso l’utilizzo e la produzione di energie rinnovabili. – dichiarano i due portavoce dei Verdi piemontesi, Tiziana Mossa e Alessandro Pizzi – Non ci perdiamo d’animo: continueremo a portare proposte concrete per un Piemonte Verde in Consiglio! Cogliamo l’occasione – proseguono i due leader del partito – per ringraziare il nostro Consigliere Regionale Marco Grimaldi per la tenacia che lo contraddistingue ed il lavoro svolto per questa mozione》.