CUS Torino e Fondazione Torino Musei. Insieme sotto il segno di arte e sport

in Cosa succede in città

Praticare attività sportive in luoghi simbolo della cultura e dell’arte. Fra quadri, sculture, fotografie, installazioni e opere varie dell’ingegno umano: un connubio fra la salute fisica (e le attività che concorrono a mantenerla viva) e il benessere della mente.

L’idea è davvero intrigante e, nella misura giusta e con le debite cautele, percorribile. Così intrigante e percorribile da sancirla ufficialmente con un accordo, come quello sottoscritto, al Museo d’Arte Orientale di Torino, fra il CUS – Centro Universitario Sportivo Torinese (associazione senza fini di lucro, fondata nel 1946 per favorire la pratica e la diffusione dell’attività sportiva) e la Fondazione Torino Musei che dal 2002 (per volontà del Comune di Torino) gestisce la GAM-Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Palazzo Madama-Museo Civico d’Arte Antica e il MAO-Museo d’Arte Orientale. Obiettivo, quello di avviare una nuova collaborazione fra arte e sport, proponendo diverse attività fisiche da svolgersi all’interno dei tre musei, tenendo ovviamente conto della specificità di ogni museo. Così come di ogni sport. Che bello sarebbe – e solo per citare un esempio – assistere a pratiche yoga o zen o di altri tipi (sono davvero molteplici) di meditazione orientale negli spazi del MAO! Giusta eccome la location, giusta eccome l’attività. Firmato l’accordo, si studieranno nel tempo i possibili eventi da mettere in pista. La Fondazione, da parte sua, dedicherà anche ai possessori di CUS Card un prezzo speciale sul biglietto multi-museo (che consente un accesso in ciascuno dei tre musei): gratuito per gli under 18 e di 12 euro per il mondo universitario.

Queste le parole di Riccardo D’Elicio, presidente di CUS Torino: “Una realtà unica sul nostro territorio si affaccia al mondo dello sport, questo è sicuramente un onore per il Centro Universitario Sportivo Torinese. Affiancare la cultura all’attività fisica è sicuramente un valore aggiunto per il sistema sportivo universitario della città”. Soddisfazione per la partnership è stata espressa anche da Elisabetta Rattalino, Segretario Generale della Fondazione Torino Musei: “La Fondazione – ha sottolineato – sta lavorando sempre più attivamente per coinvolgere gli attori del territorio e costruire con loro percorsi che possano restituire ai torinesi un ventaglio di proposte sempre più eterogeneo. Siamo felici di essere così vicini al mondo universitario e siamo certi che questa sarà l’occasione per poter ammirare gli spazi museali da una prospettiva insolita e coinvolgente”.

L’incontro al MAO è servito anche per presentare la formazione, giovane e talentuosa, del Frandent Group Cus Torino Tennistavolo che nella stagione 2019/2020 militerà nel campionato di Serie A2 maschile, sotto la guida di Romualdo Manna (capitano) e formato da Davide Ferrero, Lorenzo Cordua e Andrea Corazza. Tutti gli incontri casalinghi del campionato italiano si svolgeranno presso la Palestra Cus Torino dell’Istituto Sociale, in corso Siracusa 10.

Per info: www.custorino.itwww.fondazionetorinomusei.it

g.  m.

***
Nelle foto
– I ragazzi del Frandent Group Tennistavolo con i rappresentanti istituzionali
– Il tavolo dei relatori