Nasce Envi4Future

in ECONOMIA E SOCIALE

PER UN MONDO SOSTENIBILE PARTENDO DAI PIU’ GIOVANI

Giovedì 19 settembre, a partire dalle 18, il primo incontro in Envipark dal titolo ““Emergenza climatica: l’Italia che fa”.

Coinvolgere le nuove generazioni in un progetto “sostenibile”, facendo cultura sui temi più attuali legati al surriscaldamento globale, ai cambiamenti climatici e, più in generale, alle problematiche ambientali che affliggono la nostra società.

Su queste basi ha preso forma il progetto Envi4Future che l’Environment Park, il Parco scientifico – tecnologico di Torino, specializzato sulle tematiche green – lancerà giovedì 19 settembre all’interno dei propri spazi di Via Livorno 60.

Un insieme di incontri informali e dinamici, focalizzati ogni volta su un argomento diverso e molto attuale, che avrà come platea i ragazzi delle scuole e delle università. Momenti di riflessione grazie alla presenza di “esperti” nei rispettivi campi, come professori, ricercatori, responsabili di aziende, ma anche di dibattito tra gli addetti ai lavori e le menti più giovani e fresche.

Il primo ciclo di appuntamenti sarà inaugurato giovedì 19 settembre a partire dalle ore 18 presso l’Envipoint di Environment Park con l’incontro “Emergenza climatica: l’Italia che fa”.

Interverranno Costantino Manes esperto in meccanica dei fluidi e Professore presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Ambiente, del territorio e delle infrastrutture, POLITO, e Giuseppe Gamba, Kyoto Club, esperto in politiche energetico-ambientali

Durante gli incontri di Envi4Future si punta certamente a spiegare e approfondire le problematiche più assillanti per il pianeta ma, nello stesso tempo, si vogliono mostrare le possibili soluzioni attraverso l’analisi di casi specifici e dialogare in modo informale e arricchente con i ragazzi per esaminare insieme altre possibili strade.

 

A seguire, giovedì 3 ottobre il focus sarà “Tra mitigazione e adattamento, quali tecnologie per il futuro?” e a seguire giovedì 17 ottobre “Verso la transizione energetica: idrogeno tra presente e futuro”.

 

Questo primo ciclo, a cui ne faranno seguito altri, è una delle iniziative che vedono Environment Park “sul campo” per diventare sempre più punto di riferimento culturale sui temi della sostenibilità e di formazione e informazione per gli studenti e per la cittadinanza in generale.

In quest’ottica, ad ottobre Environment Park ospiterà per il quarto anno consecutivo il Climathon, la maratona internazionale di 24 ore dedicata al clima che coinvolgerà, oltre agli esperti e agli addetti ai lavori, i ragazzi delle scuole e i normali cittadini in un processo formativo e di ideazione progettuale.

Anche la formazione è al centro delle iniziative di Environment Park. Prosegue infatti il progetto transfrontaliero CBET, che vede il Parco e le aziende insediate al suo interno, impegnati nella formazione di 300 studenti e inoccupati italiani e francesi per favorire lo sviluppo di competenze tecniche in ambito green (dalla posa di cappotti termici fino all’installazione di pannelli solari e impianti fotovoltaici);  mentre si è da poco concluso l’Hackathon Green Camp organizzato da ITS Energia Piemonte, con il supporto anche di Environment Park, che ha coinvolto oltre 60 ragazzi nell’ideazione e realizzazione di una struttura ciclo-turistica al 100% ecologica nell’astigiano.