Dalla paura dei cosacchi al bicerin di Salvini

in POLITICA

Mamma mia…. e che succede? No no è proprio così.
Alleanza pd e 5 stelle con Appendino candidata.
Tremano polsi e vene e si vuole scimmiottare Roma. In
fondo poi ognuno si suicida come vuole, ovviamente
parlando di suicidio politico.
Oddio, la strada è ancora lunga e due  anni sono una
eternità. Comunque per i fan ci sono tutte le condizioni
già da ora. Prima fra tutte la paura che possa vincere
la destra. La Storia cambia proprio. Prima c’era la
paura dei cosacchi che abbeveravano i loro cavalli
nella fontana di Trevi. Ora che Matteo Salvini faccia
colazione tutti i giorni a Torino con il Bicerin. O
addirittura la Meloni che lasci la movida romana e
si metta sulle orme di Carpano e del suo Punto mes.
Ma appunto, due anni in politica sono una eternità.
Molte cose dovranno collimare. Ad esempio come
andranno le elezioni amministrative. Poi arriva come
una bomba la notizia di Matteo Renzi che se ne
va con i suoi fedelissimi. Bomba? Era da un anno e
mezzo che se ne parlava. Che ne parlavano tutti ed
in particolare quelli del Pd nei corridoi di partito.
Ne parlavano riservatamente e ufficialmente lanciavano
proclami all’ unità. Vecchia storia, la doppiezza di
una certa sinistra. Comunque il dato è tratto. Dopo
Baffino se ne va via anche il Toscanaccio e Calenda
si sta organizzando e chi più ne ha più ne metta.
Forse la vicenda dei sottosegretari ha fatto tracimare
la pazienza dell’ex segretario. Sta di fatto che ora
con i suoi 20 fedelissimi è determinante per le sorti
del governo che dovrà fare un sacco di nomine. Due
piccioni con una fava. Grande tattico, il Matteo, e
come non bastasse, dopo aver caldeggiato l’accordo
con i pentastellati ora sostiene: mai alleati con loro.

Gongola la sinistra sbrindellata: ora caro
Zingaretti sei tutto nostro. Fossi il segretario Pd sarei
molto ma molto preoccupato. Tutto più semplice
in casa leghista. Matteo Salvini è tornato al suo
vecchio lavoro.
Dopo aver baciato crocifissi e rosari ora bacia
la bambina di Bibbiano. Chiaramente punta alla
Santità. Il magistrato inquirente precisa che la
bambina non c’entra nulla. Poco importa. Tutto
fa brodo,  la televisione lo ha ripreso. Mille altri
selfie, e  domani è un altro giorno. Intanto anche
pezzi di società civile zoppicano. Indagati
capi ultras Juventini. Spaccio, ricatto estorsioni,
truffa con gli immancabili vessilli nazifascisti.
Galantuomini, insomma. Ma quando ne parli o fai
delle domande alle rispettive tifoserie la risposta è
sempre la stessa: avviene in tutte le parti d’ Italia.
Allora? Risposte inquietanti che di fatto assolvono
i delinquenti. Se lo fanno gli altri perché non
dovremmo farlo anche noi? Come quasi trent’anni
fa a tangentopoli. Se tutti corrompono perché
non possiamo farlo anche noi? Morale? Mi sembra
semplice: ad una classe politica scadente c’ è
una società civile scadente. E siamo in buona
compagnia, visto che la situazione di altri paesi non è
da meno. In questo caso non vale il proverbio mal
comune mezzo gaudio. Non vale perché in questa
mediocrità ci viviamo tutti noi.

 

Patrizio Tosetto