Movimento Progetto Piemonte: “No alla fusione dei Comuni delle terre del Chiusella”

in POLITICA

I Comuni dell’Unione Terre del Chiusella si fonderanno in un’unica entità municipale entro il 1 gennaio 2021? In questi giorni, secondo le intenzioni dell’attuale presidente dell’Unione e sindaco di Parella, Marco Bollettino, sta prendendo il via un procedimento che dovrebbe (il condizionale è sempre d’obbligo in questi casi) portare alla meta della fusione. Bollettino, infatti, rieletto presidente dell’Unione ‘Terre del Chiusella’ il 19 luglio aveva posto come condicio sine qua non per poter procedere alla sua candidatura ed elezione un programma ed un cronoprogramma riguardante Colleretto Giacosa, Parella, Quagliuzzo e Strambinello avente come prima tappa la votazione, entro il 15 settembre, di un parere formale sul programma da parte dei singoli consigli comunali.

Ed ora si sta arrivando al redde rationem, in quanto martedì 10 l’argomento è all’ordine del giorno a Colleretto Giacosa, mercoledì 11 a Parella e giovedì 12 a Strambinello. Non ci sarà, invece un consiglio a Quagliuzzo dove l’amministrazione di Ernesto Barlese, con larga intesa in consiglio, sta per inviare un parere negativo al progetto.

A Parella il capogruppo di minoranza di Progetto Parella MPP, Bruno Tegano, ha depositato una articolata interpellanza sin da inizio agosto chiedendo all’amministrazione quale sia la posizione e se prima non intenda fare precedere ogni decisione da un consiglio comunale aperto alla cittadinanza e da una adeguata informazione alla stessa su quelli che potrebbero essere i vantaggi effettivi e gli svantaggi di una fusione che, comunque, metterebbe fine alla storia di più entità comunali.

D’intesa con il gruppo consigliare è il Movimento Progetto Piemonte che già in primavera aveva organizzato un convegno a Quagliuzzo dal titolo molto chiaro: “Fusioni di comuni: i motivi del no”. Sull’argomento interviene Massimo Iaretti, presidente MPP, già consigliere a Parella dal 2010 al 2014 e consigliere dell’Unione nei suoi primi anni di vita: “La nostra posizione è fortemente negativa per il metodo che viene portato avanti, ovvero il legare il futuro dell’Unione con quello della fusione, dal momento che si tratta di due entità giuridiche diverse e la legge parla di fusioni di Comuni, senza che le Unioni ne abbiano parte alcuna. Senza entrare nel merito vorrei evidenziare che quella che il consiglio dovrà votare è una delibera, quindi un atto che, di fatto, vincolerà chi si esprimerà a favore. Si deve anche conto che il referendum cui verrà sottoposto il tutto, prima di arrivare alla legge regionale, non è un atto che – allo stato attuale – possa modificare il parere espresso dai consigli comunali, anche se ci fosse un voto contrario. Per questo come MPP, insieme ad alcuni comitati e gruppi consigliari abbiamo inoltrato una richiesta al presidente della Regione, all’assessore agli enti locali ed al presidente del Consiglio regionale di provvedere ad una modifica legislativa su questo punto. Fermo restando che la volontà dei cittadini è assolutamente sovrana e che, qualora si esprimessero in un senso o nell’altro dovrebbe venire sempre rispettata. Allo stato attuale non possiamo che dichiararci contrari alla fusione fredda dei quattro comuni che, va ricordato, ai tempi del fascismo erano stati uniti forzatamente sotto il nome di Pedanea e dopo la proclamazione della Repubblica si erano separati. Vogliamo forse tornare indietro e cancellare tutto con un colpo di spugna facendo finta di niente. Inoltre, e bene sottolinea l’interpellanza del capogruppo Tegano, allo stato non risulta che tale proposta sia stata mai condivisa con la popolazione”.