Cirio: “La Tav si farà. E’ strategica”. L’ok di Conte

in prima pagina

Secondo il presidente della Regione, Alberto Cirio, “La Tav si farà, è strategica per il futuro del Piemonte e del Paese. E il 26 maggio c’è stato un referendum nel quale  il 90% dei piemontesi ha detto che l’opera va fatta”.  Il governatore piemontese lo ha dichiarato a Rai Radio1 durante la trasmissione ‘Radio anch’io’. “La democrazia dice che chi ha vinto le elezioni deve decidere: noi decidiamo che la Tav va fatta. Con Toninelli abbiamo fatto un punto importante su tutti i nodi del Piemonte, ma non abbiamo parlato di Tav perché, ha detto lui, la Tav è una questione che tratta il Presidente del Consiglio”.

E il premier Giuseppe Conte, spiazzando i pentastellati, dichiara su Facebook che la Tav andrà avanti: “la Francia  è a favore dell’opera. Se volessimo bloccare i lavori non lo potremmo fare. Non potremmo confidare sul mutuo dissenso degli altri protagonisti, Francia e Europa. A queste condizioni solo il Parlamento potrebbe adottare una decisione unilaterale viste le leggi di ratifica adottate dalle Camere. La decisione di non realizzare l’opera non comporterebbe soltanto la perdita dei finanziamenti, ma anche tutti i costi derivanti dalla rottura dell’accordo con la Francia”.