Borrelli e la stagione della giustizia arcigna

in ECONOMIA E SOCIALE
Di Pier Franco Quaglieni
Con la scomparsa di Francesco Saverio Borrelli all’età di 89 anni si conclude la pagina più significativa della storia della Procura di Milano ai tempi di Tangentopoli 
Il procuratore capo che amava l’equitazione, ma nel contempo esibì vistosamente il suo giacobinismo arrabbiato, e’ stato l’emblema di una tragedia italiana  in cui si arrestavano le persone per estorcere loro una confessione. Nella città di Beccaria Borrelli rappresento ‘ una giustizia arcigna ed anche arrogante. Quel “resistere,resistere,resistere “ e’ rimasto come  il ricordo di una magistratura esageratamente politicizzata. Forse più di lui ,sul versante plebeo e populista, si distinse solo Di Pietro che costituì addirittura un partito, destinato a franare proprio in seguito alla gestione dei fondi : un vero e proprio contrappasso.
Il tono sprezzante di Borrelli resta nella memoria di chi visse quegli anni caratterizzati anche da alcuni suicidi  strettamente legati alle inchieste giudiziarie
Sarà anche stato sicuramente  un magistrato preparato e per certi versi esemplare, degno del massimo rispetto, ma è difficile non imputargli di aver dato un colpo decisivo ai partiti della I Repubblica che, se dovevano finire, dovevano essere sfiduciati dal voto popolare e non dai processi mediatico- giudiziari. Una volta Giovanni Conso allora ministro della Giustizia mi parlò con franchezza di Borrelli e del pool ambrosiano che pensava di rivoltare l’Italia come un calzino. La furia iconoclasta verso un’ intera classe politica fu un grossolano errore che tra l’altro favori’ la discesa in campo proprio del nemico Berlusconi. Nel 1991 / 1993 non esitai a scrivere contro le degenerazioni di Tangentopoli che fecero finta di non sapere che le responsabilità sono sempre personali.
In quel periodo tempestoso per la storia della Repubblica con un presidente come Scalfaro che sostenne dal Quirinale il pool di Milano,lo storico  Luciano Perelli documentò con un libro che la corruzione nell’antica Roma era molto superiore a quella della I Repubblica . Fu linciato dal giornale “Repubblica” in modo indegno . Poco prima di morire mi telefonò per ringraziarmi della solidarietà che gli espressi in un articolo e mi disse : certo il Pool non ha ancora raggiunto l’efficienza della Gestapo,ma ci sta arrivando. Si erano suicidati l’ing. Cagliari e l’industriale Gardini in quella terribile estate di venticinque anni fa. Una pagina che avrebbe fatto inorridire  non solo Beccaria e Sciascia,ma tutti gli uomini che hanno il senso della Giustizia ed esigono una Magistratura indipendente che rispetti la divisione dei poteri senza  indebite invasioni di campo. Purtroppo il nome di Borrelli ci evoca prepotentemente un periodo storico che non avremmo voluto vivere.