Capitale malata, Paese allo sbando

in Dall Italia e dal Mondo/ECONOMIA E SOCIALE
Una veduta di Roma di notte, zona Monte Vecchio.  Diciamo non molto edificante. Il mattino dopo continui il tuo giro a piedi e lo spettacolo non muta.  Da Porta Portese a Trastevere, una costante
 La situazione migliora a Testaccio ma ritorna ad essere preoccupante verso le periferie. Ad occhio e croce emergenza sanitaria.  Fermate centralissima come Barberini e Spagna chiuse I turisti e i romani ringraziano.  Poi sali su un taxi e fai mille domande al tassista.  Sintesi delle risposte: sono 10 anni che faccio questo lavoro e da quando c’ è la Raggi la situazione è notevolmente  peggiorata.  Poi come nelle migliori tradizioni buche in strada e buche nei marciapiedi, una slogatura alle caviglie non si nega a nessuno, con un certo egualitarismo di fondo.  Sia i ricchi che i poveri trattati male allo stesso modo. Roma caput mundi è oramai un lontano ricordo. Sempre nella Capitale si aggira un manipolo di eroi.  Sono i pedoni che attraversano sulle strisce pedonali.  Rischiano la vita tutte le volte. Ma Roma è anche questo. Sarebbe un peccato buttare via sia l’ acqua sporca che il bambino.  Mi allieta un altro tassista.  50 anni di lavoro sulle strade romane. Accidenti, lei di esperienza ne ha.  Attuale problema? La gente si è incattivita.  E giù di aneddoti.  Come quando Gianni Agnelli gli chiese d essere portato da un certo Giulio Andreotti e sornione disse: vado a chiedere soldi al Divino.
Poi continuando : non ci sono più artigiani e i nostri figli non trovano lavoro stabile.  Ma questa è un altra storia, quella di un Paese che aveva voglia di fare e di essere.  Ora mancano i soldi di ieri.  Mancano anche le intelligenze di ieri. Tra l’Appendino e la Raggi la solita gara a chi fa peggio. Nella Capitale, per antonomasia c’ è il Governo.  Nella Capitale c’ è lo Stato centrale, c’è il Governo supremo della Magistratura. Ci sono gli Alti Comandi Militari.  Che fanno? Si girano dall’altra parte, tanto con i vetri oscurati delle auto di servizio non sono visti e fanno finta di non vedere. Povero, veramente povero, questo Bel Paese.
Patrizio Tosetto