ECONOMIA E SOCIETA' - Page 286

“B&b” e affittacamere, le nuove regole

Il  Piemonte ha una nuova legge  su “bed and breakfast, affittacamere, case vacanza, residenze di campagna e ostelli.

Il disegno di legge della Giunta è stato infatti approvato a maggioranza, martedì 27 luglio, con 21 voti favorevoli e 15 consiglieri che non hanno partecipato al voto. La nuova legge mira a riorganizzare questo modello di ospitalità, sempre più diffuso di pari passo con la costante crescita dei flussi turistici.

L’obiettivo principale della riforma – come ha avuto più volte modo di evidenziare l’assessora al Turismo Antonella Parigi –  è l’armonizzazione della normativa piemontese con quella nazionale e comunitaria vigente, riunendola in un unico corpo e aggiornando un’impostazione ormai obsoleta, in quanto l’ultima legge regionale di riferimento era la 31 del 1985. Una delle novità più rilevanti riguarda le strutture a conduzione famigliare, come “bed and breakfast”ed affittacamere, per le quali la nuova norma detta i confini entro cui possono essere gestite in forma non imprenditoriale: per i primi la soglia è fissata a tre camere, al di sopra delle quali sarà necessario disporre della partita Iva dedicata, con un limite massimo di sei stanze, oltre cui non si può essere annoverati in tale categoria; per gli affittacamere invece il servizio potrà essere esercitato in modo non imprenditoriale se svolto in forma occasionale e non continuativa e in non più di due appartamenti posti nello stesso stabile, con un massimo di tre camere e sei posti letto.

.

È anche previsto l’inserimento della “country house” o residenza di campagna: dovranno essere ville padronali, casali o case coloniche ubicate in luoghi di valore naturalistico e paesaggistico, in centri sotto i diecimila abitanti, amministrate in forma imprenditoriale, non annesse a un’azienda agricola e non gestite da un imprenditore agricolo, con camere o con appartamenti con cucina fino ad un massimo di dieci posti letto. Un altro ambito di intervento sono poi le locazioni turistiche: l’affitto di una abitazione, per essere considerato attività ricettiva, dovrà disporre di servizi quali fornitura e cambio biancheria, ricevimento ospiti, assistenza in camera, in assenza dei quali verrà considerata attività di mera locazione abitativa. Si vogliono così contrastare forme irregolari di ospitalità, migliorando la sicurezza e includendo tali strutture nei meccanismi di rilevazione statistica e informativa, facendo emergere la reale portata del settore extralberghiero. Nella relazione di maggioranza, Elvio Rostagno (Pd)  ha voluto sottolineare come il settore turistico sia in continua espansione, per cui “si è incominciato al vedere le cose in maniera orizzontale e non più verticale toccando argomenti importanti come quello enogastronomico e culturale. La legge che era in vigore è parsa pertanto superata, visto che i tempi sono cambiati. Il turismo è cambiato, sempre più l’utenza vuole servirsi delle unità abitative piuttosto che degli alberghi. Gli emendamenti proposti dalla giunta vanno a correggere alcuni aspetti, adeguandoci alla legge della Regione Toscana, proprio per evitare eventuali impugnazioni”.

.

La prima relazione di minoranza ha visto Gian Luca Vignale (Mns) ribadire la necessità di ragionare sul concetto di “un’offerta che la Regione Piemonte potrà dare pensando a più offerte turistiche proprio per venire incontro alle richieste dell’utenza. La montagna ha bisogno sempre più di posti letto, e noi rispetto ad altre realtà, abbiamo un gran numero di seconde case che possono essere affittate temporaneamente”. Siè poi soffermato sull’articolo 5, che tratta delle locazioni turistiche, anche dal punto di vista fiscale. Visto che i contenuti sono stati recepiti dal ddl, in Commissione Vignale aveva ritirato la sua proposta di legge n. 241 per disciplinare l’affitto temporaneo breve. La seconda relazione è stata quella di Francesca Frediani (M5S). “Il nostro apporto a questo ddl lo abbiamo fornito con i nostri emendamenti, che hanno riguardato soprattutto la distinzione tra attività imprenditoriale e non imprenditoriale. Avremmo voluto un sostegno più esplicito per il turismo sostenibile, e con questa legge siamo davanti ad  un piccolo passo per adeguare la legislazione regionale alla realtà di un turismo in continua evoluzione, favorita anche dalla tecnologia, se pensiamo al modo in cui sempre più turisti organizzano le vacanze in autonomia utilizzando le risorse della rete. Sicuramente la Regione avrebbe bisogno di un testo unico sul turismo. Quello che ci preoccupa, è il regolamento di attuazione, al quale sono demandati troppi argomenti. Chiediamo pertanto un confronto in Commissione  coinvolgendo tutte le realtà che operano sul territorio”. Il presidente della Commissione Turismo, Raffaele Gallo, ha espresso la propria soddisfazione per il lavoro svolto, che va a normare un settore turistico importante e in forte espansione come quello delle locazioni brevi.”Sin dall’ inizio abbiamo individuato il turismo come un asse importante della nostra azione di governo – ha affermato – È la terza volta che trattiamo il turismo in Aula, aggiornando importanti quadri normativi. La legge precedente era del 1985, oggi siamo qui a sottolineare soprattutto quello che mi pare lo scopo più importante, quello della semplificazione normativa”.

Nel dibattito generale e nell’esame dei complessivi ventinove articoli, sono intervenuti: Silvana Accossato (Articolo1), Mauro Campo, Paolo Mighetti e Frediani (M5S), Rostagno, Gallo e Daniele Valle (Pd) e Gilberto Pichetto (Fi). Nella dichiarazione di voto, Campo ha ribadito che essendo un’importantissima parte della materia demandata al regolamento attuativo, ci sia spazio in fase di stesura in Commissione per proporre delle modifiche, visto che il testo della legge non è più emendabile. Rostagno ha sottolineato come l’iter legislativo sia stato caratterizzato da un generale clima di condivisione. “L’economia non la si fa con le leggi, ma le leggi possono consentire un buon processo economico. Il nostro scopo è quello di incrementare l’offerta turistica in sinergia con altri settori. È certamente una legge che entra nel campo minato delle competenze, per cui si è cercato di trovare dei correttivi con gli emendamenti della Giunta che ci cautelano dal rischio di impugnative. Il turismo non è solo una crescita economica, ma anche di relazioni umane” ha concluso. Collegato al ddl, è stato anche approvato (sempre a maggioranza) l’ordine del giorno di Rostagno (Pd) per chiedere che venga avviata un’operazione di uniformazione-unificazione delle procedure relative alla comunicazione giornaliera alle Questure delle informazioni inerenti le persone alloggiate e alla trasmissione mensile alle Province dei dati sui flussi turistici, in modo da agevolare ulteriormente i gestori delle strutture ricettive.

MB – www.cr.piemonte.it

Da Fondazione Crt 342 interventi per il territorio

Dalla promozione della salute all’assistenza alle fasce sociali più deboli, dal sostegno agli Atenei ai progetti di ricerca, dalla valorizzazione delle eccellenze del territorio alle iniziative culturali

 

Torino, 28 luglio 2017 – Dalla Fondazione CRT 4,3 milioni di euro per 342 interventi a sostegno delle iniziative del territorio: sono i risultati della prima sessione delle richieste ordinarie – ovvero le richieste di contributi non rientranti in alcun bando specifico della Fondazione – presentate nei primi quattro mesi del 2017 da enti operanti in Piemonte e Valle d’Aosta.

 

Attraverso le due sessioni annuali dedicate alle richieste ordinarie, la Fondazione CRT garantisce il proprio appoggio a un ampio ventaglio di attività e soggetti, con una forte capillarità nella distribuzione territoriale e nella tipologia dei beneficiari: in tutte le province piemontesi e in Vallée, infatti, ricevono contributi sia piccole realtà, sia istituzioni di maggiore dimensione.

 

In particolare, per l’area Welfare e Territorio la Fondazione CRT ha deliberato 153 contributi per un importo complessivo di 1,5 milioni di euro: a beneficiarne sono interventi di prevenzione e promozione della salute, di assistenza alle categorie sociali più deboli, interventi per implementare le dotazioni delle organizzazioni di volontariato impegnate nella tutela e nella salvaguardia del territorio, sino agli eventi di valorizzazione del territorio stesso e dei suoi prodotti di eccellenza.

 

Per l’area Ricerca e Istruzione sono stati approvati 108 contributi con uno stanziamento di 2,2 milioni di euro: circa 900.000 mila agli Atenei, circa 1,3 milioni di euro a enti del territorio, sia per la formazione e istruzione a tutti i livelli, sia per la ricerca in ambito medico, letterario, alimentare e a progetti di ricerca applicata.

 

Nel campo Arte e Cultura sono 81 i contributi per 636 mila euro a sostegno, tra gli altri, di festival cinematografici, premi letterari, attività culturali e di valorizzazione del patrimonio storico-artistico.

 

Le richieste sono state valutate tenendo conto, in particolare, dell’efficacia degli interventi e attività nei confronti del territorio, della qualità delle iniziative, della loro sostenibilità, nonché della strutturazione e affidabilità delle organizzazioni.

 

“La Fondazione CRT conferma il proprio significativo ruolo di sostegno capillare al territorio: ascoltiamo le esigenze delle comunità attraverso le realtà del non profit, che affianchiamo e sosteniamo non solo dal punto di vista delle erogazioni, ma anche delle capacità progettuali – dichiara il Presidente della Fondazione CRT Giovanni Quaglia –. Con le erogazioni ordinarie contribuiamo, al passo con il mutare dei bisogni, a dare linfa alle tante attività e ai tanti soggetti impegnati nella crescita sociale, culturale, economica del Piemonte e della Valle d’Aosta, senza mai dimenticare le fasce più fragili della popolazione”.

 

“Nell’esame periodico delle richieste di sostegno che provengono alla Fondazione CRT, e certamente tenuto conto della specificità del singolo settore di riferimento, un’attenzione crescente è rivolta anche al carattere innovativo delle iniziative proposte – ha sottolineato il Segretario Generale della Fondazione CRT Massimo Lapucci –. Del resto, il trend evolutivo a cui assistiamo non solo nel nostro Paese ma in tutta Europa, indica come il ruolo della filantropia, specie quella istituzionale, risieda anche nel saper facilitare la creazione di opportunità e nuovi spazi di intervento per quei soggetti particolarmente attenti alla capacità di fare rete con i vari enti e attori del territorio, tanto più se sensibili alla sostenibilità nel tempo delle singole iniziative e alla centralità delle giovani generazioni”.

 

L’elenco dei beneficiari sarà pubblicato nei prossimi giorni sul sito della Fondazione (www.fondazionecrt.it).

 

La seconda sessione delle richieste ordinarie è aperta dal 1 luglio al 15 settembre 2017.

Incontro con Ettore Matinata

STORIE DI CITTA’  di Patrizio Tosetto

 

Determinato nel dire e difendere le sue idee,  fiero di ciò che ha fatto. Ettore Matinata, anzi il dottore Ettore Matinata (dopo 4 anni di universita’ si e’ laureato nel ’92  in Economia e Commercio. Tesi di Laurea su analisi dei bilanci delle coop) Prima di rispondere pondera la risposta, prima di affrontare una questione o un problema trova le premesse delle possibili risposte nel conoscere, nell’informarsi e nello studiare. Una visione molto razionale della realta’. Di sinistra, ha voluto fare il militare nella Folgore anche per cimentarsi. Sono alcuni anni che ci conosciamo ed abbiamo intensificato il nostro rapporto e confronto da un anno,  complice la palestra che , tra un esercizio e l’altro, ci si scambia opinioni.Lui fa anche i gruppi. Io troppo anarchico per frequentarli.

Ettore, da giovane facevi politica?

No, prima dovevo laurearmi.

Dopo la laurea?

Specializzazione e approfondimento. Ho vissuto 6 anni in Emilia. 3 a Bologna e 3 a Imola. Diploma di Specializzazione su Economia della Cooperazione con un docente d’ eccezione, Luciano Violante.

Leggo il tuo curriculum.Sei sindaco ed amministratore.Da Presidente hai risanato la coop indivisa Alcide De Gasperi.Sei sintesi tra un commercialista ed un imprenditore?

Cooperatore, Patrizio. Ci tengo. Da mio padre e dai dirigenti coop emiliani ho imparato molto.

Sei Fiero della tua famiglia.

Sicuramente, e ti racconto un episodio. Come sai ho un fratello architetto, che vive e lavora in Cina.Con mio figlio di 7 anni e mio padre siamo andati a trovarlo.

Mio padre cavaliere del Lavoro in Italia e mio fratello in Cina. Al ritorno ho chiesto a mio figlio. Cosa ne pensi della Cina? Una figata!

Si sono fiero della mia famiglia e, pensa, mi sono pure sposato con una donna meravigliosa.

Maggiori soddisfazioni?

Qui non ha esitazione.

Due. Essere stato con il Professore Antonio Monaco tra i protagonisti della trasformazione urbanistica di Torino sulla cosiddetta Spina Tre.

E del processo di risanamento della Cartiera Pirinoli di Roccavione. In entrambi i casi lavoro ha voluto dire occupazione.

Maggiore delusione?

Qui ci deve pensare.

Poi…rubo una frase a Don Ciotti….la politica, il politico dovrebbe pensare all’individuo come cittadino e non come elettore.

Meritocrazia?

Appunto.  Ti assicuro che in Emilia ho vissuto in una realtà sana  e le coop hanno contribuito a cio’. La politica deve essere per il bene comune.

Non sopporto chi  tra i cooperatori si mostra lacche’ di politici di destra solo perche ‘ dice d essere filogovernativo.

Vuol dire che essere di destra e’ un discrimine?

In politica. Altra cosa sono le collaborazioni nel lavoro. Ho collaborato con fruttosi risultati, .loro di destra io di sinistra.

Mangiamo in un ristorantino nel quadrilatero romano della nostra città. Sfondo azzurissimo, pulito da impurie.

Clima rilassato, ma dobbiamo lasciarci.

Ettore, per il futuro sei pessimista o ottimista?

Ottimista, anche la crisi e ‘ una opportunita’ di crescita personale e collettiva.

 

Patrizio Tosetto

Record storico per Caselle con oltre 2 milioni e 100 mila passeggeri

L’aeroporto di “Sandro Pertini” di  Caselle  chiude il primo semestre dell’anno con più di 2 milioni e 100 mila passeggeri, il record storico per lo scalo, con un incremento rispetto ai primi sei mesi dello scorso anno del 7,6%. Vola  il traffico nazionale, cresciuto del 7,4% con oltre un milione di passeggeri in transito, e quello internazionale, con il 7,9% (+9,4%  dall’Europa). I dati sono di Assaeroporti. Nel mese di giugno l’aeroporto ha visto transitare 363.000 passeggeri, con un incremento del 5,5%. Il trend positivo è dovuto soprattutto alle compagnie low cost presenti,  prime fra tutte Ryanair e Blue Air.

Moriconi Garante per i diritti degli animali

Il Consiglio regionale del Piemonte ha nominato il Garante per i diritti degli animali: è Enrico Moriconi, già consigliere nella settima e ottava legislatura.  Svolgerà numerosi compiti come ricevere segnalazioni sui maltrattamenti e denunciare all’Autorità giudiziaria eventuali reati. Si occuperà anche di progetti e campagne di sensibilizzazione sociale in difesa degli animali e del contrasto al fenomeno dell’abbandono. Il garante, quindi, potrà segnalare alla Giunta e al Consiglio l’opportunità di adottare provvedimenti per la difesa degli animali.

Affitti, gli aiuti del governo

PER CHI CHI NON CE LA FA A PAGARLI

Di Patrizia Polliotto *

.

Sono stati previsti dall’Esecutivo contributi sino a 12mila euro l’anno per chi non riesce a pagare l’affitto. Lo prevede il Decreto delle Infrastrutture del 30 marzo 2016, grazie al quale il Governo ha stanziato 60 milioni di euro a favore dei cosiddetti morosi incolpevoli. In questa categoria rientrano tutti quegli inquilini che versano in una situazione di indigenza che gli impedisce di pagare regolarmente il canone di locazione. L’art. 2 del decreto indica espressamente che per “morosità incolpevole si intende la situazione di sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento del canone locativo a ragione della perdita o consistente riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare”. Una condizione di fatto, dunque, che deriva dal verificarsi dei seguenti fattori: perdita del lavoro per licenziamento; accordi aziendali o sindacali che hanno provocato una riduzione dell’orario di lavoro, cassa integrazione ordinaria o straordinaria in grado di limitare notevolmente la capacità reddituale, mancato rinnovo di contratti di lavoro atipici oppure a termine, cessazioni di attività libero-professionali oppure di imprese registrate, dovute a cause di forza maggiore, malattia grave, infortunio oppure decesso di un componente del nucleo familiare in grado di comportare una consistente riduzione del reddito complessivo o la necessità di impiegarne gran parte per coprire spese mediche e assistenziali rilevanti. Il decreto del 30 marzo ha definito anche i criteri per accedere ai contributi, che competono al Comune di Residenza, presso il quale è possibile richiedere tutte le informazioni a riguardo.

 

*Avvocato, Fondatore e Presidente del Comitato Regionale del Piemonte dell’Unione Nazionale Consumatori

UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI
COMITATO REGIONALE DEL PIEMONTE
TEL. 011 5611800, Via Roma 366 – Torino
EMAIL: UNC.CONSUMATORITORINO@GMAIL.COM

Turismo e rilancio del territorio

Un filo rosso che colleghi – sotto l’aspetto culturale, turistico e devozionale – il Sacro Monte di Crea al complesso dell’antica chiesa abbaziale di Pulcherada, passando attraverso Santa Fede di Cavagnolo. E’ il motivo che ha spinto Massimo Iaretti, consigliere delegato al turismo dell’Unione dei Comuni della Valcerrina (sul cui territorio insiste il Sacro Monte di Crea) a San Mauro Torinese, dove ha incontrato Giada Boasso e Claudio Cericola, rispettivamente presidente e segretario di “La Pulchra Rada”, associazione cultura per la valorizzazione del patrimonio storico, artistico, socio culturale e folkloristico del territorio di San Mauro Torinese. La chiesa parrocchiale di Santa Maria di Pulcherada rappresenta unica testimonianza oggi visibile dell’antica abbazia benedettina ricordata in un documento del 991. Al suo interno è stato rinvenuto nel catino absidale, sotto la superficie barocca, uno splendido ciclo pittorico della fine dell’XI secolo, con un Cristo Pantrocratore, unico in Piemonte, nella decorazione della volta. “Ho voluto prendere visione di persona di questo tesoro storico e artistico – dice Iaretti – che merita di essere maggiormente conosciuto ed apprezzato. Il contatto con l’Associazione è stato positivo e andrà sviluppato, nell’ottica di un collegamento con quelle che sono le altre realtà del territorio. La Valcerrina alessandrina e quella torinese non sono due extraterrestri appartenenti a mondi diversi, ma realtà territoriali vicine, che hanno, oltre alla continuità, anche una condivisione di ricordi e di passato”. Per questo nelle prossime settimane verrà inviata una lettera per la presa di contatto al Comune di San Mauro (proprietario della chiesa) ed alla Diocesi di Torino, in quanto Pulcherada è tuttoggi un luogo di culto e chiesa parrocchiale. E lo stesso sarà con il sindaco di Cavagnolo, dove si trova il gioiello che è Santa Fede. “L’idea, con tutto a regime, è quella di avere – dice ancora Massimo Iaretti – è quella di un collegamento tra tre luoghi di culto, Santuario di Crea, Santa Fede di Cavagnolo e Pulcherada di San Mauro Torinese, incastonati in tre territori Unesco, Langhe-Roera e Monferrato, Sacro Monte di Crea e Collina Po”.

 

 

 

 

Emma Bonino: “Ascoltiamo il grido di chi fugge dalle guerre”

“Chi lavora quotidianamente a favore dell’inclusione  e dell’accoglienza, deve mantenere una soglia di attenzione molto elevata per non rischiare di scivolare in strumentalizzazioni studiate ad hoc e che hanno il solo scopo di semplificare e ridurre a luoghi comuni la questione immigrazione. Mi riferisco alle polemiche seguite alle dichiarazioni di Renzi, alimentate da chi non intende affrontare il tema in maniera seria e strutturata. Investire in cooperazione e sviluppo per aiutare “a casa propria” i  popoli da cui provengono i migranti che approdano sulle coste italiane è sicuramente una delle strade percorribili per fronteggiare, nel lungo periodo, i continui flussi migratori ma certamente non l’unica. Esiste poi la necessità di creare canali istituzionali che facilitino il soccorso, l’accoglienza e l’inclusione nella nostra società di chi fugge da guerra e povertà”.  Lo ha dichiarato mercoledì 26 luglio il presidente del Consiglio regionale e del Comitato per i Diritti umani Mauro Laus ricevendo a Palazzo Lascaris l’ex ministro agli Affari esteri Emma Bonino. “L’Assemblea legislativa del Piemonte, proprio nell’ottica di costituire un organo terzo, che prescinda in fatto di tutela dei diritti dalla sensibilità politica del momento – ha continuato Laus – è la prima a livello nazionale ad aver costituito un Comitato regionale per i Diritti umani composto non solo da consiglieri ma anche da esperti e da componenti di movimenti e associazione della società civile”. “Il problema più grande – ha sottolineato Emma Bonino – è che ci si sofferma su polemiche spicciole per non affrontare i grandi problemi. Investire per lo sviluppo dei Paesi africani è senza dubbio giusto, ma porterà vantaggi a lungo termine. Nel frattempo, non possiamo ignorare le necessità di chi ha bisogno ora”. All’incontro sono intervenuti i vicepresidenti del Consiglio regionale Nino Boeti e del Comitato Enrica Baricco e Giampiero Leo e i componenti del Comitato Domenico Trocino e Silvja Manzi e il consigliere Daniele Valle.

www.cr.piemonte.it

Golf “ProAm Paideia”, iscrizioni aperte

Sono aperte le iscrizioni alla prima “ProAm Paideia”, gara di golf in programma martedì 12 settembre organizzata al Circolo Golf Torino La Mandria con il sostegno di PGA Italiana e il cui ricavato sarà devoluto alla Fondazione Paideia. I fondi raccolti saranno infatti destinati alla costruzione del Centro Paideia, futuro polo di eccellenza nella riabilitazione infantile e spazio di socializzazione e inclusione per tutte le famiglie che verrà inaugurato nel cuore di Torino nei prossimi mesi. La giornata inizierà alle ore 11 con la partenza della gara di golf, alle ore 15 prenderà invece il via il torneo di Burraco insieme alla gara di Pitch and Putt. Alle ore 18:30 avverrà la premiazione, seguita da una cena con musica per tutti i partecipanti e i loro amici. Le iscrizioni sono aperte fino all’8 settembre. Per partecipare alla “ProAm Paideia” rivolgersi a t.panizzolo@circologolftorino.it oppureludovica.rayneri@fondazionepaideia.it

Premiare le idee smart e green

Al via l’Agenda Strategica per il terzo bando di finanziamento

della programmazione europea POR FESR 2014-2020

 

Oltre 110 milioni di euro e 160 progetti presentati nei primi due bandi,

attualmente in fase di valutazione della Regione Piemonte

Presentate ufficialmente presso l’Environment Park di Torino, a oltre 200 imprenditori e ricercatori aderenti ai sette Poli di Innovazione piemontesi, le opportunità di sviluppo del terzo bando della Regione Piemonte, destinato al finanziamento di progetti ‘smart’ e ‘green’.

Come per i precedenti bandi, il percorso parte con la raccolta di idee progettuali delle aziende, finalizzata alla definizione delle sette Agende Strategiche (una per Polo), prosegue con l’accompagnamento da parte dei Poli verso la valutazione della Regione Piemonte e si conclude con l’accesso al finanziamento dei progetti selezionati. L’opportunità di una nuova linea di finanziamento interesserà progetti con obiettivi Smart, riferiti alla digitalizzazione dei prodotti e dei processi, eResource Efficiency, riferiti alla sostenibilità ambientale dei prodotti e dei processi e all’economia circolare. I Poli di Innovazione sono già attivi per raccogliere le idee progettuali delle imprese che confluiranno nella Agende Strategiche di Ricerca e che consentiranno alla Regione di definire puntualmente tematiche e dimensione del Bando.

 .

L’emanazione del bando prosegue la strada intrapresa dalla Regione Piemonte con i due già emessi (Linea A e Linea B) a fine 2015 e a inizio 2016, e attualmente in fase di valutazione, grazie ai fondi POR FESR 2014-2020. L’obiettivo è promuovere l’innovazione, il trasferimento tecnologico, la condivisione di conoscenze e competenze e l’avvicinamento tra imprese e attori pubblici e privati della ricerca. Il bando ha anche l’obiettivo di incentivare l’ampliamento del bacino di utenza dei Poli. Per il bando Linea A, incentrato sulla raccolta di idee progettuali nei sette ambiti di specializzazione dei Poli e riservato alle aziende aderenti ai Poli, sono stati presentati 113 progetti, di cui 42 interpolo, attraverso il coinvolgimento di 336 imprese. Sono stati proposti progetti per 39,6 milioni di euro per un investimento complessivo pari a 79,2 milioni di euro. Per il bando Linea B, focalizzato su idee progettuali di ricerca industriale e sviluppo sperimentale per le aziende ancora non aderenti ai Poli, sono stati presentati 53 progetti attraverso il coinvolgimento di 110 imprese, con la richiesta di 15,8 milioni di euro per un investimento complessivo di 32,7 milioni di euro.Riorganizzati nel 2015, con un passaggio da 12 a 7, i Poli di innovazione piemontesi formano una rete d’ eccellenza di imprese, centri di ricerca e istituzioni per la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva del tessuto imprenditoriale del territorio. Attualmente coinvolgono quasi 1.200 aderenti, tra grandi imprese, PMI e Centri di Ricerca, e sono specializzati in diversi ambiti di competenza -Agrofood, chimica verde, biotecnologie, ICT, Tessile, meccatronica e cleantech.

 

I Poli di Innovazione piemontesi:

Clever, gestito dall’Environment Park di Torino e dal Consorzio Un.I.Ver. di Vercelli, è specializzato nelle Energy and Clean Technologies e coinvolge 265 realtà aderenti.

BioPmed, gestito dal Bioindustry Park di Colleretto Giacosa, si concentra sulla salute umana e le scienze della vita e coinvolge 71 realtà aderenti.

Agrifood, gestito dal M.I.A.C. di Cuneo, si concentra sulla ricerca e sviluppo in campo agroalimentare e coinvolge 111 realtà aderenti.

CGreen, gestito da PST S.p.a., Consorzio Proplast e Consorzio IBIS, tra l’alessandrino e il novarese, è specializzato nella Green Chemistry and Advanced materials e coinvolge 181 realtà aderenti.

Polo ICT, gestito da Fondazione Torino Wireless, è specializzato nell’ ICT – Information Communication Technologies, e coinvolge 242 realtà aderenti.

Mesap, gestito da Centro Servizi Industrie srl di Torino, è specializzato in ambito Smart Products and Manufacturing e coinvolge 241 realtà aderenti.

Pointex, gestito da Città Studi Spa di Biella, è specializzato nel settore tessile e coinvolge 85 realtà aderenti.