Category archive

Cosa succede in città - page 215

La corsa ai saldi parte bene, i commercianti fiduciosi

in Cosa succede in città

Le due fasce intermedie di spesa, da 100 a 250 euro e da 250 a 500, sono in crescita. Scendono, invece, quella inferiore (sotto i 100 euro) e quella superiore (oltre 500 euro)

 

saldisssGli esercenti sperano che possa essere un inizio di riscossa dopo stagioni e stagioni di crisi nera. Almeno che serva a adere una boccata di ossigeno alle attività commerciali. E’ la corsa ai saldi che ha preso il via anche nella nostra città.  

 

I professionisti dell’acquisto a prezzi ridotti si sono presentati all’alba davanti alle vetrine dei negozi di  abbigliamento firmato (nella foto a sinistra, sotto i portici di piazza San Carlo) e ai centri commerciali come la Rinascente, le Gru e l’8 Gallery del Lingotto. Non si è ancora verificato il pienone ma i commercianti sono ottimisti. L’Ascom di Torino e provincia calcola che ogni nucleo familiare spenderà circa 200 euro.   Le vendite a prezzi speciali proseguiranno fino  a sabato 30 agosto.  saldi3

 

In base alle proiezioni di Confesercenti, rispetto alla stagione dei saldi invernali,  dovrebbero aumentare i torinesi che acquisteranno durante il periodo di promozioni: 10 punti percentuali  in più, il 66,3% dei consumatori.  Le due fasce intermedie di spesa, da 100 a 250 euro e da 250 a 500, sono in crescita. Scendono, invece, quella inferiore (sotto i 100 euro) e quella superiore (oltre 500 euro). Tra i dati indicati da Confesercenti, nel primo quadrimestre 2014 le vendite di abbigliamento sono calate dello  0,2% e le calzature hanno segnato un  +0,4%.

 

L’ordinanza municipale che regolamenta la materia prevede che nei negozi deve essere esposta copia dell’informativa per i consumatori con le principali regole per i saldi di fine stagione. E in caso di violazione delle disposizioni il consumatore si può rivolgere alla Polizia Municipale. Ad esempio è obbligatorio da parte del commerciante indicare la percentuale dello sconto o ribasso effettuato, segnalando anche il prezzo normale di vendita. Per saperne di più sui saldi può essere utile consultare il  vademecum per i saldi di Altroconsumo.

 

(Foto: il Torinese)

One Direction-mania, è un gioco da ragazze

in Cosa succede in città

one5one1one2one7one3 one10one-directionIeri sotto il sole cocente, oggi (probabilmente) sotto la pioggia. Nulla può fermare l’isteria collettiva  – peraltro molto pacata, forse grazie alla stanchezza – di migliaia di ragazzine in attesa del concertone della boy band inglese

 

“E che dobbiamo fa’? La creatura ce teneva tanto…”. Amore di papà misto a rassegnazione. La creatura è Paola, da Viterbo. A  parlare è suo padre, Marco, che con la gentile consorte ha condotto in camper fino a Torino la propria “bambina” diciassettene perchè potesse vedere i suoi idoli.

 

E sono tanti i genitori , molti meno i fidanzatini, ad avere accompagnato le ragazze al grande evento.

 

Di Martina e Sara abbiamo già parlato ieri: sono state le prime in assoluto (vedi rubrica Mondo Giovane, in homepage) a piantare le tende con quasi 48 ore di anticipo davanti allo stadio per cercare di guadagnarsi gli ultimi posti rimasti per l’attesissimo concerto. Ieri sotto il sole cocente, oggi (probabilmente) sotto la pioggia.

 

Nulla può fermare l’isteria collettiva  – peraltro molto pacata, forse grazie alla stanchezza – di migliaia di ragazzine in attesa del concertone degli One Direction, la boy band inglese che sta mietendo successi ovunque, Italia inclusa.

 

Tutto esaurito all’Olimpico e anche negli hotel di Torino e dintorni, compreso il Golden Palace, preso d’assalto dalle agguerrite mini-amazzoni non appena si è diffusa la voce che i loro miti alloggiavano nel 5 stelle lusso del centro. Il gruppo musicale di origini anglo-irlandesi, costituito da Niall Horan, Zayn Malik, Liam Payne, Harry Styles e Louis Tomlinson, aveva conquistato “solo” la terza posizione nell’edizione di The X Factor del 2010. 

 

Poi, con il passaparola virale dei social media, sono diventati celebri e hanno pubblicato tre album: Up All Night, Take Me Home e Midnight Memories. Questa sera, sul palco torinese, anche gli australiani 5 Seconds of Summer.

 

Ragazze, il grande giorno è arrivato. Mamme e papà al seguito, abbiate ancora un po’ di pazienza.

 

CB

 

(Fotoservizio: il Torinese)

Cinecittà val bene una Mole?

in Cosa succede in città

franceschinicinecitta Franceschini ha proposto di creare un museo nazionale del  cinema a Roma, ma è già polemica. Salviamo gli studi cinematografici romani ma non al prezzo del museo di Torino

 

«In Italia abbiamo un bellissimo museo del cinema a Torino ma è un museo che parla del cinema di tutto il mondo, dai fratelli Lumière a oggi. Credo ci sia invece bisogno di un luogo attrattivo anche per i giovani, in cui si racconta la meravigliosa storia del cinema italiano. E un museo nazionale del cinema italiano non può che essere a Cinecittà, luogo dove il nostro cinema è nato. È un progetto su cui stiamo lavorando, costruendo il più possibile livelli di integrazione tra le diverse istituzioni».

 

Dopo le dichiarazioni del ministro Dario Franceschini sulla possibilità di far nascere a Cinecittà un Museo Nazionale del Cinema Italiano viene spontaneo fare una riflessione sul motivo per cui il museo è qui a Torino e non avrebbe alcun senso crearne un doppione a Roma. Il cinema, come ribadito in un nostro precedente articolo comparso nella rubrica via Po 33, nasce a Torino, quando Ambrosio, Itala, Pasquali, Fert, Gloria e molte altre case di produzione, quasi una trentina alla fine degli anni Dieci, si sfidano a colpi di film, proponendo prodotti di respiro internazionale, si pensi a Cabiria (G.Pastrone, 1914), di cui si festeggia quest’anno il centenario. Sempre a Torino nel corso dell’Expo 1911 si tiene uno dei primi festival cinematografici con la vittoria dell’Ambrosio con ben due film La Vita delle Farfalle (R. Omegna,1911), che vanta la sceneggiatura del poeta Guido Gozzano, e Nozze d’Oro (L. Maggi, 1911). Maria Adriana Prolo, fondatrice e collezionista che ha ideato il museo già nel 1941 aveva pensato a Torino proprio per queste ragioni e si era battuta a lungo.

 

Tutto ha inizio con l’articolo “Torino cinematografica prima e durante la guerra (Appunti)” da lei pubblicato sulla rivista “Bianco e Nero” nel 1938, in seguito, nel 1941 comincia a raccogliere materiali e documenti relativi alle produzioni torinesi che avevano fatto conoscere Torino in tutto il mondo. L’idea di costituire il museo è sempre di quell’anno con l’obiettivo di «raccogliere, conservare ed esporre al pubblico tutto il materiale che si riferisce alla documentazione e alla storia delle attività artistiche, culturali, tecniche e industriali della cinematografia e della fotografia» sono le sue stesse parole con cui fonda l’Associazione Museo Nazionale del Cinema.  Ma è solo nel 1953 che il museo trova una sua sede, dopo la guerra e molti anni di attesa. A Palazzo Chiablese apre il Museo Nazionale del Cinema che sarà lì collocato fino al 1985, quando verrà chiuso per messa a norma degli edifici a seguito dell’incendio dello Statuto (1983). L’attuale cornice del Museo Nazionale del Cinema di Torino, la Mole Antonelliana, è recente, si parla del 2000, quando il museo finalmente riapre in quello che è considerato uno degli edifici simbolici della città.

 

Togliere a Torino questo primato sarebbe ingiusto, è necessario non far morire Cinecittà (che nasce molto più tardi si parla del 1934 come data di apertura dei lavori), creando un museo che ne conservi i materiali e i documenti storici ma senza però equipararsi alla realtà torinese, quanto piuttosto sarebbe possibile pensare a un luogo di conservazione da un lato e che porti turismo dall’altro, come accade ancora oggi alle Majors statunitensi una delle mete principali di Hollywood.

 

Cristina Colet

I funerali di Faletti martedì ad Asti. La sua città gli dedica la biblioteca

in Cosa succede in città

Figura poliedrica dello spettacolo e della cultura, originario dell’Astigiano, cabarettista, attore, era diventato famoso in Tv negli Anni ’80 con la trasmissione Drive In

 

Faletti1E’ morto all’ospedale Molinette, lo scrittore e attore Giorgio Faletti, 63 anni. A dare la notizia, attraverso Twitter, il direttore della Stampa, Mario Calabresi.

 

Faletti era  stato  ricoverato nell’ospedale torinese, poiché era malato da tempo. Figura poliedrica dello spettacolo e della cultura, originario dell’Astigiano, cabarettista, attore, era diventato famoso in Tv negli Anni ’80 con la trasmissione Drive In.Faletti2

 

Dopo altre partecipazioni in programmi televisivi e in produzioni cinematografiche si dedicò con grande successo, negli ultimi anni, alla scrittura, come autore di libri thriller arrivati alla vetta delle classifiche, tra i quali “Io uccido”.

 

Nelle immagini, scattate in occasione della rassegna fotografica Photissima,  a cura di Libra Concerti, Faletti mentre visita la mostra fotografica allestita in corso Regio Parco, lo scorso novembre, presso l’ex manifattura tabacchi.

 

Lunedì verrà allestita la camera ardente alle Molinette mentre i funerali si svolgeranno martedì ad Asti. La sua città gli intitolerà la biblioteca.

Interrogati gli arrestati per ‘Ndrangheta

in BREVI DI CRONACA/Cosa succede in città

I carabinieri stanno esaminando la documentazione relativa ai conti sequestrati in Italia e all’estero. Pare che l’organizzazione sia più ramificata e strutturata di quanto apparisse in un primo momento

 

carabinieri xxSono incominciati gli interrogatori delle 20 persone arrestate nell’operazione contro la ‘Ndrangheta, che tentava di infiltrarsi nei lavori della Tav. Tra queste anche Gabriella Toroldo, che avrebbe avuto il ruolo di “cassiera” dell’organizzazione. Pare che la donna, che si fingeva avvocato, fungesse da finanziatrice degli affiliati.

 

In passato era stata condannata per una truffa milionaria, si era resa protagonista della vendita di porzioni dell’isola della Gallinara, che appartiene allo Stato.  Uno dei pochi accusati che ha deciso di rispondere ai giudici è l’imprenditore Domenico Greco, ritenuto uno dei capi dell’organizzazione, il quale ha professato la propria innocenza. Nell’operazione è stato anche coinvolto un iscritto al Pd, Vincenzo Donato, anche lui sospetto affiliato.

 

Il partito ha deciso di sospendere tutte le persone coinvolte a vario titolo nell’inchiesta. Mentre proseguiranno nei prossimi giorni gli interrogatori di garanzia, i carabinieri stanno esaminando la documentazione relativa ai conti sequestrati in Italia e all’estero. Pare che l’organizzazione legata alla ‘Ndrangheta sia più ramificata e strutturata di quanto apparisse in un primo momento.

Estate ai Murazzi, questa volta si fa

in Cosa succede in città

Eventi rivolti alle famiglie e anche ai più piccoli, allo scopo di rendere vivace la sponda sinistra del Po per chi resterà a Torino nei mesi più caldi

 

murazzi battelloDopo diversi stop and go sembra finalmente la volta buona. La storia infinita di Estate ai Murazzi sembra essersi risolta positivamente.

 

Così le iniziative incominceranno il 20 luglio per terminare a settembre, le iniziative estive pomeridiane e serali che daranno nuova vita ad una zona spesso meta di spacciatori e piccoli criminali, se si esclude la movida notturna.

 

Il programma del Comune, sulla cui realizzazione aveva insistito il sindaco Piero Fassino, nonostante l’associazione organizzatrice Borgo Murazzi  e alcuni sponsor privati si fossero ritirati all’ultimo minuto, prevede eventi culturali e di spettacolo. 

 

Saranno rivolti alle famiglie e anche ai più piccoli, allo scopo di rendere vivace la sponda sinistra del Po per chi resterà a Torino nei mesi più caldi. Ad occuparsene in Comune gli assessori Curti, Braccialarghe e Mangone.

 

(Foto: il Torinese)
  

Così rinascerà Torino Esposizioni

in Cosa succede in città

expoAll’interno della struttura la biblioteca civica, il centro di Design del Politecnico, aule di Architettura e spazi espositivi

 

 

Serviranno 120 milioni di euro per dare nuova vita allo storico complesso fieristico di archiettura littoria di Torino Esposizioni. Sono i conti fatti dal Comune che prevede di recuperare tale cifra attraverso sponsor come Intesa Sanpaolo e l’intervento del Politecnico.

 

Ma  in municipio si tenterà anche di individuare una parte delle risorse necessarie dai fondi strutturali dell’Unione europea e da quelli destinate alle strutture post-olimpiche.

 

All’interno della struttura rinnovata troveranno spazio la biblioteca civica, il centro di Design del Politecnico, aule di Architettura e spazi espositivi per le iniziative della Città.

 

E’ prevista anche la ristrutturazione del Teatro Nuovo, il restyling del ristorante la Rotonda e la realizzazione di parcheggi sotterranei in corrispondenza del controviale di corso Massimo d’Azeglio, all’ingresso principale di Torino Esposizioni.

Furbetti torinesi taroccavano vendita case in Costa Azzurra

in Cosa succede in città

COTEAttraverso la segretaria di un conosciutissimo studio notarile di Nizza gli indagati falsificavano la documentazione

 

 

Le accuse sono truffa, appropriazione indebita e falso.

 

Nove gli italiani indagati in Francia, ai quali la Guardia di finanza di Torino ha notificato la comunicazione di garanzia mentre eseguiva nel contempo diverse perquisizioni.

 

Attraverso una segretaria di un conosciutissimo studio notarile  di Nizza, gli indagati taroccavano la documentazione inerente l’acquisto di case in Costa Azzurra.

 

Lo scopo era ottenere prestiti dalle banche sproporzionati rispetto al  reale valore degli appartamenti. Si stima che la truffa superi i  7 milioni di euro.

A bordo della Maserati tutti in coro: “Giù le mani da Torino”

in Cosa succede in città

maserati4L’ha pensata giusta il presidente del Consiglio. Se si fosse presentato all’assemblea degli gliene avrebbero dette quattro. Inoltre avrebbe dovuto dare risposte agli operai della Fiom che lo aspettavano all’ingresso per chiedergli lumi sulla situazione occupazionale

 

Oltre alle grane nei rapporti con (e fra) industriali e sindacati, il premier Matteo Renzi deve anche aver pensato agli sgarbi recenti che il suo governo ha fatto a Torino, quando ha deciso di tirare il pacco agli imprenditori riuniti in conclave alla Maserati di Grugliasco. La sua assenza diplomatica forse è stata anche motivata dall’imbarazzo di sentirsene dire di tutti i colori per le vicende dell’Authority dei Trasporti, che il decreto sulla PA vuole trasferita a Roma, e del declassamento dello scalo aeroportuale torinese.

 

E l’ha pensata giusta il presidente del Consiglio. Se si fosse presentato all’assemblea degli industriali gliene avrebbero dette quattro. Inoltre avrebbe dovuto dare risposte concrete agli operai della Fiom che lo aspettavano all’ingresso dello stabilimento per chiedergli lumi sulla situazione occupazionale. Tornando alle questioni authority e aeroporto, l’appello – rivolto proprio a Renzi – è stato unanime: dal presidente della Regione Sergio Chiamparino, al sindaco Piero Fassino, alla leader degli industriali Licia Mattioli, tutti assolutamente concordi nel dire no agli sgarbi romani.

 

I rappresentanti istituzionali hanno sottolineato come Torino sia a tutti gli effetti capitale dell’auto e dei trasporti, con eccellenze quali il Politecnico e investimenti sul settore già effettuati. Un discorso strategico collegato allo scalo di Caselle che, con il declassamento rischia di penalizzare Torino e il Piemonte che rappresentano il 10% delle esportazioni italiane. Il messaggio, molto chiaro e forte inviato a Renzi è quindi: giù le mani da Torino. Chissà se il premier questa volta si farà trovare.

 

(Foto: il Torinese)

Regione, il nuovo corso del Consiglio si vede dai parcheggi

in Cosa succede in città

I consiglieri uscenti e non rientranti, essendo questi la stragrande maggioranza, hanno lasciato liberi non soltanto i seggi ma anche i posteggi. Per la presidenza di Palazzo Lascaris il prescelto è Mauro Laus (Pd)

 

con reg lascarisOre 14,30 di lunedì 30 giugno: è ‘ora x della X legislatura regionale. Alla vigilia del gran giorno le sbarre metalliche  dei parcheggi dei consiglieri lungo le vie Lascaris e  Dellala, che costeggiano il Parlamento regionale, erano quasi tutte abbassate, tanto che chiunque poteva posteggiare. parrk3

 

Stessa situazione nel cortile di Palazzo Lascaris, dove i posti auto dei deputati regionali erano deserti. Ciò significa che i consiglieri uscenti e non rientranti, essendo questi la stragrande maggioranza, hanno lasciato liberi non soltanto i seggi ma anche i parcheggi. Le uniche sbarre alzate, quelle dei pochi ri-eletti già presenti nella precedente legislatura: una decina soltanto che conservano il seggio (e il parcheggio).

 

consiglio campanaPraticamente decimato il centrodestra dall’inchiesta sui rimborsi e quasi del tutto rinnovato il centrosinistra.  Da questa legislatura i  consiglieri regionali sono 10 in meno, cioè 50 rispetto ai consueti 60.  Addirittura 41 le matricole che, il giorno della seduta inaugurale, avranno il compito di eleggere il nuovo Ufficio di presidenza.

 

park2park1In pole position per l’elezione a presidente dell’Assemblea il consigliere Pd Mauro Laus, già indicato dal partito. Mentre per una delle due vicepresidenze il centrodestra sembra essere orientato per Daniela Ruffino, di Forza Italia. Il primo Consiglio sarà presieduto dal consigliere anziano Giovanni Corgnati (Pd) che sovrasterà dal suo scranno quello al “girone” inferiore dell’aula occupato dal governatore Sergio Chiamparino. Tra le novità di questa legislatura una bella sforbiciata agli stipendi dei consiglieri e l’abolizione dei vitalizi.

 

(Foto: il Torinese)
   

Da qui si Torna su