Quattrocento vitamine Jazz al Sant’Anna


Dal 2016 esisteva un progetto di musica varia dal vivo:“Vitamine Musicali”, avviato all’Ospedale S. Anna dalla Fondazione Medicina a Misura di Donna per merito di Catterina Seia.

Nell’estate del 2017 la Prof.ssa Chiara Benedetto (Presidente della Fondazione Medicina a Misura di Donna) chiese a Raimondo Cesa di provare a organizzare dei concerti jazz per la Fondazione all’interno dell’Ospedale.

Era il 23 ottobre 2017 quando nascevano le “Vitamine Jazz” e per la prima volta al Sant’anna si ascoltavano le note e si vivevano le emozioni suscitate dai loro creatori.

Si è pensato di celebrare la ricorrenza del superamento delle 400 “Vitamine Jazz” nell’Aula Dellepiane dove 7 anni or sono si erano esibiti i primi jazzisti.

Le “Vitamine Jazz” hanno visto la partecipazione di oltre 300 jazzisti di fama nazionale e internazionale. Le note del jazz abbracciando l’ingresso, hanno dato il benvenuto alle nuove vite nei reparti maternità (oltre 7000 ogni anno, da genitori provenienti da oltre 80 paesi), hanno accompagnato i pazienti al day hospital oncologico durante le cure chemioterapiche e hanno ingannato il tempo dell’attesa nelle sale d’aspetto e al pronto soccorso.

Molti fra il pubblico frequentano i social fruendo e commentando le registrazioni video dei concerti visti in ospedale che vengono regolarmente postate. La diffusione di Vitamine Jazz sui social è arrivata a contare più di un milione di visualizzazioni, annoverando anche molte utenze estere.“Attendiamo gli appuntamenti con curiosità e meraviglia. Siamo ogni giorno parte di una lotta. La musica ci stimola. Ci ha aperto personalmente nuovi mondi. Le note rimangono nelle stanze, con le pazienti, anche dopo il saluto dei musicisti”, affermano le infermiere intervistate segnalando anche il cambiamento e la crescita del loro consumo culturale nel tempo libero.

Gli stessi musicisti definiscono l’ospedale “un grembo armonico”, una “scuola di empatia” e considerano che l’esperienza dell’esecuzione ad personam generi un arricchimento personale e professionale.

Di “Vitamine Jazz“ si sono occupate autorevoli riviste nazionali (quali Musica Jazz) e numerosi quotidiani. Già due “Vitamine Jazz Festival” si sono tenuti al Teatro Juvarra, i sold-out di pubblico hanno testimoniato la popolarità dell’operazione.

Sono gìà stati donati 4 pianoforti, l’ultimo dei quali a coda (donato dalla Sig.ra Cristina Betti) è posizionato al terzo piano della Clinica Universitaria, nell’emiciclo della sala d’attesa della Maternità.

Il pubblico sara’ ricevuto dalle note della chitarra di Gregorio Fracchia e

dalle arie brasiliane di Gilson Silveira, Sabrina Mogentale e Giulia Firpo per poi passare al terzo piano a deliziarsi delle melodie create dalle mani dei maestri Emanuele Sartoris e Federica Bertot.

Durante l’incontro sarà proiettato il video contenente le bellissime fotografie scattate da Stefano Barni e da Carlo Mogavero al Teatro Juvarra durante il II° Vitamine Jazz Festival il 3 dicembre 2023.

Leggi qui le ultime notizie: IL TORINESE

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Un delicato risotto ai quattro formaggi

Articolo Successivo

La “città dimenticata” rivive: nuova vita per gli spazi pubblici abbandonati

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA

Auto Crocetta