Pietrina Oggianu: “Avrei voluto urlare”

Presentazione del volume autobiografico di Pietrina Oggianu dal titolo “Avrei voluto urlare”, edito da Edizioni del Faro, venerdì 26 maggio alle 19 nei locali di VolTo

 

Venerdì 26 maggio prossimo, alle ore 19, presso i locali di VolTo, in via Giolitti 21, verrà presentato il volume autobiografico di Pietrina Oggianu dal titolo “Avrei voluto urlare”, edito da Edizioni Del Faro.

La protagonista del romanzo, Pitty, viene ben descritta in poche righe in cui si afferma “Sorride come se nulla fosse e invece vorrebbe urlare”. Pitty, trasposizione letteraria di Pietrina, è ferita dall’indifferenza di chi le passa vicino e si chiede come sia possibile spiegare ai colleghi, agli increduli e a tutti coloro che ti circondano qualcosa che non vedi”.

E il ‘qualcosa’ è la fibromialgia, una malattia invisibile e per lo più sconosciuta e ignorata. Si tratta di un morbo che intimorisce e che viene rimosso con un gesto di fastidio, una malattia di cui qualcuno preferirebbe negarne l’esistenza.

La protagonista del racconto, Pitty, è sommersa da fibro fog e, a partire dal momento in cui le viene diagnosticata la malattia, la vita le cambia profondamente sia dal punto di vista dei rapporti umani sia professionali. Viene, infatti, a essere relegata in campo lavorativo in un archivio, quasi che avere la fibromialgia si debba trasformare in una condanna sociale e umana.

Pitty, ovvero Pietrina, è una donna di una tempra eccezionale, sempre pronta ad aiutare il prossimo, anche in situazioni non facili, come nel caso di quell’anziano che rischia di rimanere schiacciato da una scala mobile della metropolitana, in cui è scivolato.

Sfondo di molte vicende di Pitty è la città di Milano, in cui si trova a dover affrontare ritmi che non sono adatti a una persona affetta da fibromialgia. Le sue riflessioni fatte su una panchina, proprio a Milano, coinvolgono emotivamente il lettore e le sue considerazioni riguardano anche l’epoca del Covid 19, di cui l’autrice coglie gli aspetti più difficili e di spaesamento, presente anche tra i giovani. Il distanziamento fisico ha, nel periodo del Covid, accentuato la dipendenza dai computer e reso tutti, soprattutto i ragazzi, un po’ più soli.

La protagonista del racconto ricorda come tutto in lei si confonda, specialmente la notte, ma che, comunque, tra le persone affette da fibromialgia, si crei spesso una rete di solidarietà che rende anche meno difficoltoso il percorso per affrontare questa malattia, come nel caso del gruppo di donne che si è venuto a crearsi su Facebook.

Maggiore condivisione dei problemi legati all’affrontare quotidianamente la malattia rende i soggetti fibro fog più uniti e meno soli.

Mara Martellotta

 

 

Leggi qui le ultime notizie: IL TORINESE

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

3Bee crea quattro Oasi della Biodiversità in provincia di Torino

Articolo Successivo

Chef Tarabini a Eataly Lingotto per una serata stellata!

Recenti:

L’isola del libro

RUBRICA SETTIMANALE A CURA DI LAURA GORIA   Olivia Manning “La grande fortuna” -Fazi Editore- euro

IL METEO E' OFFERTO DA

Auto Crocetta