La Psicometria ed una strana esperienza dello scrittore Luigi Capuana di fronte ad un’opera d’Arte - Il Torinese

La Psicometria ed una strana esperienza dello scrittore Luigi Capuana di fronte ad un’opera d’Arte

Il termine Psicometria significa, letteralmente: “misurazione dell’anima” procedimento chiaramente impossibile ad effettuarsi, ma almeno fra gli appassionati e studiosi di parapsicologia tale termine indica una prerogativa particolare di alcuni individui, in possesso di una certa qual sensibilità che consentirebbe loro di venire a conoscenza delle vicende legate all’oggetto stesso, semplicemente toccandolo.

Nulla a che vedere con il termine Psicometrista oggi utilizzato in Medicina, con cui si intende

un operatore specializzato nella valutazione di test psicologici e nel controllo del loro punteggio, sovente come assistente di uno psicologo o di uno psichiatra.

Il soggetto di cui ci si occupa in questo ambito è una persona in grado di ricevere informazioni da quel che tiene fra le mani; è in possesso dell’abilità di avvertire precise sensazioni e può succedere anche che possa percepire immagini, suoni, odori, sapori e persino emozioni.

Si tratta di una forma di indagine non convenzionale, un modo psichico di “vedere” qualcosa che, di norma, non è visibile; una vista “sottile”, straordinaria, che permetterebbe di cogliere eventi avvenuti nel passato, anche con modalità diverse: alcuni scrutano la dimensione misteriosa in cui questi eventi sarebbero relegati, altri utilizzano una sfera di cristallo, un vetro scuro o, come si racconta del grande veggente Nostradamus, persino osservando la superficie dell’acqua.

Con la psicometria, questa visione straordinaria è disponibile attraverso il tatto, meno di frequente anche solo con l’osservazione di un reperto.

Una persona con capacità psicometriche può, semplicemente tenendo in mano un capo di abbigliamento di un soggetto vissuto anche in epoche lontane, raccontare qualcosa sulla storia di quell’indumento, ma anche sulla persona che lo possedeva o sulle esperienze che quella persona ha vissuto quando ne era in possesso e lo indossava.

Il sensitivo particolarmente dotato può essere in grado di percepire com’era la persona, cosa ha fatto o come è morta. Forse l’elemento più importante è che il sensitivo può percepire come si sentiva la persona in un determinato momento.

Si vuole che le emozioni siano state, in qualche modo, registrate nell’oggetto, teoria molto cara agli Alchimisti che sostengono che tutto, nel nostro pianeta, sia animato e abbia un ciclo vitale durante il quale abbia avuto la possibilità di registrare quanto avveniva attorno a lui.

La Scienza ufficiale non riconosce la prerogativa di poter risalire ad una serie di informazioni semplicemente toccando un oggetto, eppure vi sarebbero alcune prove che potrebbero deporre a favore di questa ipotesi, tanto da poter azzardare una possibile facoltà del nostro cervello di potersi connettere ad una sorta di “serbatoio informazionale”, così da riuscire a percepire un flusso di energia proveniente dall’oggetto in esame capace di permettere alla persona sensibile, di ricostruire eventi avvenuti nel passato, tanto da poterne ricostruire la storia.

Come potrebbe funzionare allora la psicometria?

La teoria delle vibrazioni di Gustav Pagenstecher,(1855–1942) medico tedesco e ricercatore psichico sta ricevendo una particolare attenzione da parte di alcuni ricercatori. Questi scoprì capacità psicometriche in una sua paziente, Maria Reyes de Zierold. Tenendo in mano un oggetto, Maria era in grado di entrare in trance e di affermare fatti sul passato e sul presente dell’oggetto, descrivendo viste, suoni, odori e altre sensazioni sull'”esperienza” dell’oggetto nel mondo.

La teoria di Pagenstecher sostiene che un soggetto sensibile possa sintonizzarsi sulle “vibrazioni” esperienziali condensate nell’oggetto, vibrazioni che sarebbero state impresse in questo dalle emozioni e dalle azioni del passato di cui sarebbe stato testimone.

Teoria singolare, senza dubbio, non più solo un concetto New Age, che oggi sembrerebbe sempre più presa in considerazione, almeno in parte, secondo alcune considerazioni derivate da studi moderni

Nel suo libro “L’universo olografico”, Michael Coleman Talbot (1953 – 1992) afferma che le capacità psicometriche “suggeriscono che il passato non è andato perduto, ma esiste ancora in qualche forma accessibile alla percezione umana”.

Con la consapevolezza scientifica che tutta la materia a livello subatomico esiste essenzialmente come vibrazioni, Talbot afferma che la coscienza e la realtà esistono in una sorta di ologramma che contiene una registrazione del passato, del presente e del futuro; la psicometria potrebbe essere in grado di attingere a tale registrazione. Tutte le azioni, secondo Talbot, “invece di svanire nell’oblio, rimangono registrate nell’ologramma cosmico e possono sempre essere nuovamente accessibili”.

Altri ricercatori psichici ritengono che le informazioni sul passato di un oggetto possano essere registrate nella sua aura, il campo di energia che circonda ogni oggetto.

Secondo alcuni studiosi dell’argomento, la connessione tra psicometria e aura si basa sulla teoria secondo cui l’aura avvolge l’intero corpo, estendendosi anche alcuni metri da questo e che impressiona tutto ciò che si trova nell’area della sua estensione.

Fra le numerose esperienze psicometriche riportate dalla letteratura specifica, ve ne è una assai singolare, riportata dal celebre scrittore Luigi Capuana, uno dei maggiori esponenti del verismo, per nulla indifferente alla Scienza Medica, ma anche interessato ad una dimensione metafisica della nostra esistenza, studiata con profondo impegno nell’epoca in cui visse (1815-1939). Lo scrittore amava frequentare in compagnia di amici salotti in cui si effettuavano sedute spiritiche, per esplorare la dimensione invisibile da cui siamo circondati e interrogare le entità che in essa vivono, una parte neanche troppo segreta della sua vita, ben presente in molti suoi lavori

Lo scrittore racconta che un giorno, durante una visita alla Galleria dell’Accademia di san Luca ebbe l’impressione che, alle sue spalle, qualcuno lo stesse osservando. Infastidito da questa sensazione, si voltò incrociando lo sguardo di una donna molto bella, ma non in carne ed ossa, bensì rappresentata in un quadro.

Stava osservando il “Ritratto di ignota” realizzato dal maestro fiammingo Van Dick, conservato alla Galleria dell’Accademia di San Luca a Roma, immortalato anche nelle foto presenti nell’archivio Alinari; rimase immobile ad osservare gli occhi della bella sconosciuta poi, realizzato che si trattava solo di un quadro, fece tranquillamente ritorno a casa.

Qui giunto si spaventò non poco perché avvertì una presenza accanto a lui fino ad essere terrorizzato da un soffio tiepido che gli sfiorò il viso e realizzò subito che la misteriosa presenza avvertita durante la visita, l’aveva seguito ed ora si trovava accanto a lui, tanto da poterla avvertire chiaramente. Provò a sfuggire a quella presenza rinchiudendosi in un’altra camera, ma fu inutile e, per molti giorni, la strana sensazione di avere quella donna vicino, lo tormentò. Ne fu talmente turbato da scriverne a Pirandello, suo caro amico, con cui intrattenne una fitta corrispondenza, avendo modo di discutere con lui dello strano fenomeno di cui era certo di essere stato testimone.

È possibile che lo scrittore sia stato influenzato dai propri studi e dalle esperienze effettuate nella penombra di qualche salotto elegante in compagnia di amici intenti a cercare di comunicare con qualche spirito?

Forse, ma alla luce di quanto esaminato rispetto alla psicometria, è possibile che la sua sensibilità abbia colto l’energia di una persona catturata da un abile pittore e corporificata in un dipinto capace di racchiuderne l’essenza vitale, una essenza avvertita da una persona particolarmente predisposta a riconoscere la sottile energia da questo emanata che, per un breve periodo, ha permesso ad un sensitivo di rivivere alcuni frammenti di quella che fu la vita di una donna affascinante.

Ipotesi vagamente onirica, ma assai intrigante, che ci porta a riflettere sul fatto che il passato probabilmente non va perduto, ma rimane impresso nella materia, come insegnavano gli antichi saggi e proprio per questo è sempre presente attorno a noi potendo diventare recuperabile nel momento in cui, liberati da ogni pregiudizio imposto dalla Scienza ufficiale, saremo liberi di far vagare la nostra mente verso dimensioni da sempre intuite, ma che ancora temiamo e non osiamo affrontare.

Rodolfo Alessandro Neri

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

“Sirene morte” intorno alla sorgente del Po

Articolo Successivo

I cento anni di nonna Angiolina

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA

Auto Crocetta