Contributi alle associazioni, Palazzo Chigi “avaro”

Caro direttore,

intendiamo segnalare agli organi di informazione, sempre che ci vogliano ascoltare, l’incredibile orientamento assunto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Direzione per l’editoria speciale a favore dei disabili visivi. Nella valutazione della ripartizione dei contributi relativi al 2020, anno dell’emergenza Covid, dei coprifuochi  e dei ripetuti lookdown, questi solerti funzionari, hanno deciso, invece di premiare quelle associazioni che sono rimaste vive, di penalizzarle perchè, udite udite, non sono riuscite a far uscire tutti i numeri delle rispettive pubblicazioni.
Ci sembra davvero un’assurdità. Perchè magari non decurtano i loro stipendi d’oro per tutti i periodi in cui sono rimasti a casa e che non rispondevano al telefono?
Intendiamoci: noi non chiediamo di ottenere i contributi anche per i numeri non pubblicati… Sarebbe un bel gesto di solidarietà visto che i fondi ci sono. Chiediamo però che almeno i finanziamenti siano riparametrati in base alle effettive pubblicazioni avvenute nel 2020. Invece no: esclusione completa e penalizzazione di coloro che hanno comunque assicurato informazione e tutela in un anno così difficile.
Ma Mario Draghi le sa certe cose che avvengono all’interno di Palazzo Chigi? Noi proviamo a segnalarle ma ci crediamo purtroppo molto poco.
Marco Bongi
APRI Associazione Pro Retinopatici e Ipovedenti
Mappano di Caselle

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

“Un pianeta, molti mondi”, torna Biennale Democrazia

Articolo Successivo

Il Covid e la senatrice Ferrero di Collegno

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA