Presentati i progetti della Città finanziati dal programma REACT-EU

foto Michele D’Ottavio

E’ stato presentato oggi, nel corso di un incontro on line, il portafoglio di progetti che la Città di Torino realizzerà con il contributo dei fondi europei nell’ambito del pacchetto di assistenza alla ripresa per la coesione e i territorio d’Europa (programma React-EU).

I progetti sono stati illustrati dalla sindaca Chiara Appendino e dagli assessori all’Innovazione Marco Pironti e all’Ambiente Alberto Unia, che hanno rispettivamente il compito di coordinare i processi di decisione politico-amministrativa con le azioni della struttura operativa dell’amministrazione e di coordinare la cabina di regia politico-amministrativa per assicurare l’efficacia del processo di decisione politica mediante il coinvolgimento in itinere di tutti i livelli politici nelle fasi di progressivo affinamento delle scelte progettuali.

Si tratta in totale di 70 milioni di risorse, che finanziano progetti caratterizzati da un approccio green, resiliente, e orientato alla coesione sociale. Nella scelta delle progettualità si è data preferenza a progetti già esecutivi o ad interventi già avviati o di prossimo avvio, finalizzati a contenere o a dare una risposta immediata all’emergenza Covid, che ha fatto emergere in modo più forte le disuguaglianze presenti sul territorio.

Quattro gli assi di azione delle progettualità, rendere concreti i principi di una città Partecipata, Dinamica, Vivibile e Solidale.

Tra le azioni del primo ambito, per una città fatta di cittadine, cittadini e quartieri attivi, sono previsti in totale 5 milioni di euro per la riqualificazione innovativa delle aree verdi circoscrizionali e un milione di euro per le aree verdi centrali.

I progetti per una città più dinamica, ovvero ricca di cultura, innovazione, opportunità e talenti, prevedono interventi per migliorare l’efficienza della macchina comunale, con 2 milioni di euro per l’evoluzione del sistema informativo dei tributi e 1 milione e 500 mila euro per l’evoluzione del sistema informativo dell’edilizia, con l’obiettivo di migliorare la qualità dei servizi offerti dalla PA a cittadini e professionisti.

Per una Torino più vivibile, sono state pensate azioni per una città più accessibile, circolare, sana e verde per un totale di 52 milioni di euro. Tra i progetti previsti segnaliamo interventi di forestazione urbana per un totale di 4 milioni di euro, diverse azioni per migliorare le piste ciclo-pedonali per 10 milioni e mezzo di euro, la realizzazione di aree car-free davanti alla scuole, interventi per la riqualificazione energetica sugli edifici delle scuole superiori (11 milioni e 500 mila euro) e interventi di digitalizzazione ed efficientamento energetico di cinque edifici scolastici di scuola primaria per 13 milioni e 500 mila euro.

Tre milioni e mezzo saranno inoltre destinati al progetto Valdocco Vivibile, nel quale verrà realizzata una riqualificazione ambientale degli spazi pubblici per un quartiere resiliente ai cambiamenti climatici e una migliore qualità della vita, e 3 milioni di euro per il progetto “Abitare e muoversi in sicurezza”, che prevede la riqualificazione di spazi pubblici per realizzare luoghi di qualità per vivere e abitare.

Per una Torino solidale, infine, sono previsti 8 milioni di euro per progetti di sostegno e inclusione sociale.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Dimissioni di Speranza una prospettiva di serenità per gli italiani?

Articolo Successivo

Johnson&Johnson e AstraZeneca, giovedì le dosi al San Giovanni Bosco

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA