Continua la ricerca storica sulla nobile casata dei Gozzano

in CULTURA E SPETTACOLI

Non si ferma la ricerca rigorosa di Armano Luigi Gozzano, proposta in un volume con eccellente prefazione di Carlo Alfonso Maria Burdet, attraverso una documentazione storica di grande interesse sulla genealogia della antica e nobile casata dei Gozzano in Piemonte, frutto di consultazioni di archivi parrocchiali, comunali e statali  ad Agliè, Cereseto, Alessandria, Asti, Vercelli e Luzzogno, luogo di origine della famiglia in Valstrona (VCO).

L’emigrazione ebbe inizio nel 1500: a  Brolo di Nonio sulla riviera di San Giulio, poi Briga Novarese, Bolzano Novarese, Casale Monferrato, Cereseto Monferrato, Agliè. A Brolo, da un matrimonio con i conti Tarsis, linea tuttora esistente, un ramo dei Gozzano emigrò già nel 1650 a Madrid e ad Arajuez, in Spagna.

A Casale acquisirono ricchezza ,potere e dignità, prima Conti poi Marchesi. Furono i feudatari di una ventina di località della zona, spingendosi ad Acqui, Bra, Asti, Mondovì Saluzzo e Torino. A detta delle cronache, fu definita la famiglia con il più colossale patrimonio di sempre del Monferrato, generando le loro discendenze con le più importanti famiglie monferrine. Giovanni il giovane , generò due linee :Gozzani di San Giorgio (dal primo letto) e Gozzani di Treville  (dal secondo letto). A Casale i Gozzani (genitivo) all’inizio del 1700 avevano un sindacato proprio a Ginevra,in Svizzera, con Antonino ed il figlio Giovanni Battista,il quale edificò lo splendido  palazzo San Giorgio a Casale, ora municipio, e a Torino il palazzo San Giorgio tra via Bogino e via Gioda,dove ospitò l’imperatore  Francesco Giuseppe secondo. Eleonora, sposata con Giacinto Magnocavallo nel 1801 si trasferì a Parigi con il marito, deputato del corpo legislativo. Di idee voltairiane, fu imprigionato nel carcere di Vigevano con il cugino della moglie, Luigi Gaetano Gozzani. Prima di avere l’ incarico in Francia, Giacinto era presidente del consiglio repubblicano ,sostituito poi dal cugino Luigi Gaetano che era suo segretario . Il Cav. Evasio Gozzani diventò procuratore a Roma in casa del principe Camillo Borghese e Paolina Bonaparte, attività proseguita dal figlio  Giuseppe. Evasio inserí a villa Borghese  il casalese Luigi Canina ,architetto archeologo e incisore, dove ottenne l’ ufficio di architettura della cassa di Risparmio.
Progettò l’ingresso monumentale al piazzale  Flaminio (propilei di Villa Borghese). Seguí  gli scavi al Foro romano, al Turcolo,al Veio, e sull’Appia Antica. Diverse sue opere sono esposte nel castello di Aglié, voluto da  Napoleone .Il suo nome é ricordato nella costruzione della Gran Madre a Torino, su progetto del Bonsignore. Decisivo il suo intervento per evitare l’abbattimento del Duomo di Casale nel 1856. Per ospitare Napoleone entrato a Casale con il suo esercito, Evasio richiese unitamente al Maire Rivetta alla cognata Sofia Doria di Cirié moglie del defunto Carlo Antonio Gozzani, di lasciare palazzo San Giorgio e trasferirsi al suo castello Gozzani di San Giorgio,sua residenza estiva . Raimondo Gozzani, sacerdote e professore di diritto canonico a Pisa, amico di laurea e corrispondente di Leopardi. Antonia Maria Gozzani sposò il Marchese  Antonino Faà di Bruno (AT).Da questa linea  nacque San Francesco Faà, sacerdote matematico e scienziato, che fondò l’opera di Santa Zita in via San Donato a Torino. Il  nonno di Antonino era fratello della famosa  Camilla Faá, la bella Ardizzina, Marchesa di Mombaruzzo, moglie di Ferdinando Gonzaga, Duca di Mantova e del Monferrato, sposata in gran segreto a Mantova  nella cappella Ducale nel 1616.
Carlo Antonio Gozzani,dottore in leggi , vescovo di Acqui nel 1675,Principe del S.R.I. Batteva moneta propria.
Da Agliè,a fine 1800,il generale medico  Francesco Pietro Gozzano si trasferì a Roma e generò la sua linea romana .Sposò Ester  Alliana di Alba ,sorella di Angiolina ,moglie  del principe Maurizio Ferrante Gonzaga .
Ad Agliè naque a fine 1800 il poeta crepuscolare Guido Gozzano .Anche l’amata  Amalia Guglielminetti, poetessa, era originaria di Sambughetto ,frazione di  Valstrona come per Luzzogno .
A Cereseto Ernesta Gozzano ed il marito  Angelo Contin dei Conti di Castel di Seprio  (VA) ,costruirono una imponente fabbrica di  armi,fornitori dell’esercito italiano nel 1930. Abitavano nella palazzina di loro proprietà ai Parioli. Giovedì 3 ottobre 2019 abbiamo ospitato nel  Monferrato Casalese ,terra dei loro antenati, il Marchese Titus Gozani e la moglie Eva  Maria Friese,che vivono a Kamp-Lintfort in Germania ,in forma privata .Ultimo discendente della linea di San Giorgio emigrata in Austria verso la fine del 1700. L’illustre evento si svolse in tre fasi : Castello Gozzani di San Giorgio, Palazzo  Gozzani Treville e Palazzo Gozzani San  Giorgio (municipio) a Casale Monferrato.
.
Giuliana Romano Bussola
Tags:

Recenti: CULTURA E SPETTACOLI

IL METEO E' OFFERTO DA



Da qui si Torna su