Teatro Stabile: nuove produzioni, riprese e in prima mondiale “The spank” di Hanif Kureishi

in CULTURA E SPETTACOLI

Presentata la prima parte della stagioneNella videoconferenza programmata dallo Stabile torinese per presentare la prima parte del proprio calendario annuale, da ottobre a inizio gennaio, in collegamento dalla sua abitazione londinese, biblioteca d’obbligo alle spalle, appare il viso di Hanif Kureishi, oggi sessantaseienne, origini pakistane ed inglesi, una compagna italiana con cui vive (“forse anche per questo amo molto i vostri scrittori, la vostra letteratura”), uno degli sceneggiatori e drammaturghi più apprezzati sul panorama internazionale.

Basterebbero la scrittura cinematografica di My beautiful laundrette (1985), con l’applaudita colonna sonora di David Bowie, e di Sammy e Rosie vanno a letto (tre anni dopo), entrambi affidati alla regia di Stephen Frears o l’eco del romanzo Il Budda delle periferie per dire del suo successo. Grazie al felice rapporto che lo lega a Monica Capuani, che ne curerà la traduzione, ha affidato la prima mondiale della sua opera più recente, The spank, allo Stabile (debutto 8 dicembre al Carignano), interpreti Valerio Binasco e Filippo Dini, quest’ultimo anche in veste di regista. La storia di Sonny, dentista, e Vargas, farmacista, figli di immigrati, il raggiungimento di un successo professionale, la loro lunga amicizia fatta di confidenze e conversazioni, di chiacchiere al pub tra una birra e l’altra: poi un giorno qualcosa si incrina, si guasta, un insignificante incidente, un litigio per una donna e tra umorismo e piccoli drammi nulla sarà più come prima. Dice Kureishi: “Non mi interessa sentire degli attori recitare in una lingua che non è quella in cui io ho scritto il testo, mi interessano al contrario le reazioni di un pubblico nuovo, soltanto quando un’opera è recitata io la considero veramente completa”.

Una prima parte di stagione che poggia con sicurezza anche sulle ventimila presenze raccolte in estate grazie alle iniziative di “Summer Plays” (organizzata con la Fondazione Tpe) e Blu Oltremare (presenze soprattutto di abbonati che hanno tra l’altro rinunciato al rimborso per gli spettacoli saltati, costruendo così un quantum che ha permesso allo Stabile di stabilire un bilancio in pareggio) e che vede 163 alzate di sipario, con 32 titoli programmati di cui 9 produzioni (3 nuove produzioni esecutive, 3 nuove coproduzioni e 3 riprese, con 10 spettacoli ospiti, per la riapertura in tutta sicurezza, con presenze ridotte, di Carignano, Gobetti e Fonderie Limone. The spank è uno di quei titoli chiamati a formare un calendario definito “Diversamente classico”, una rivisitazione dei classici alla luce della drammaturgia contemporanea. Uno sguardo che si riversa ancor maggiormente in apertura di stagione (5 ottobre, ancora al Carignano) quando finalmente Binasco, portate a termine le prove che oggi fervono alle Fonderie di Moncalieri (“in questi giorni abbiamo un maestro guida, Elia Kazan”, confessa il regista e interprete mentre si chiede ancora: “perché per quest’opera non potremmo parlare di “diversamente contemporaneo”?) e che erano state interrotte con l’arrivo del lockdown, potrà debuttare con Uno sguardo dal ponte di Arthur Miller, un classico sapore di tragedia greca trasposto tra gli immigrati irregolari nella Brooklyn di metà anni Cinquanta, un dramma familiare soffocato “tra i confini insopportabilmente ristretti della famiglia”. Altri interpreti Vanessa Scalera (eccezionale procuratore Imma Tataranni in tivù), Deniz Özdogan, Dario e Emmanuele Aita. Altro debutto cancellato nei mesi scorsi che vede finalmente la luce è quello di La casa di Bernarda Alba di Federico Garcìa Lorca, interpretazioni tutte al femminile (tra le altre, Orietta Notari, Francesca Mazza e Francesca Bracchino), la regia è affidata al giovane (trentaduenne) ma già affermato Leonardo Lidi, cresciuto alla scuola dello Stabile, un testo di chiusura ma anche di ricerca spasmodica di libertà e felicità, “una tragedia in cui si scontrano il conflitto tra morale autoritaria e desiderio di libertà, dominata dalla figura della madre-padrona del titolo”.

E ancora: Peachum che Fausto Paravidino ha ricavato dall’Opera da tre soldi brechtiana, a sua volta tratta da un altro “classico”, L’opera del mendicante del settecentesco John Gay (10 novembre), al suo fianco Rocco Papaleo; L’anello forte, dall’omonimo testo di Nuto Revelli, le memorie delle donne tra campagna e industria affidate alla drammaturgia (un grande lavoro di selezione fatto sulle interviste condotte negli anni Settanta in Piemonte, tra il Cuneese e le Langhe) di Anna Di Francisca e all’interpretazione di Laura Curino e Lucia Vasini. Ritornano appuntamenti già collaudati, il pirandelliano Così è (se vi pare) con la regia premiatissima di Filippo Dini, Mistero buffo di Dario Fo con Matthias Martelli per la regia di Eugenio Allegri (un testo ancora di recente contestato a 50 anni dalla sua nascita) e La signorina Felicita ovvero la Felicità, uno spettacolo scritto e interpretato da Lorena Senestro.

 

Elio Rabbione

 

Nelle immagini: il commediografo e sceneggiatore Hanif Kureishi, di cui sarà messo in scena in prima mondiale “The spank”; due momenti tratti da “La casa di Bernarda Alba” e “Così è (se vi pare)”; Rocco Papaleo interprete di “Peachum” scritto e diretto da Fausto Paravidino

Tags:

Recenti: CULTURA E SPETTACOLI

IL METEO E' OFFERTO DA



Da qui si Torna su