Trent’anni di carcere all’assassino dei Murazzi

in prima pagina

Trent’anni di carcere  a Said Mechaquat. Questa la condanna inflitta al giovane marocchino  per aver ucciso con un fendente alla gola  il 23 febbraio dello scorso anno  Stefano Leo, ai Murazzi del Po.

Il processo si è svolto con rito abbreviato. L’assassino si era presentato nelle settimane dai carabinieri confessando il delitto e facendo ritrovare il coltello.

Disse di avere voluto sfogare una situazione di disagio interiore, vedendo che il ragazzo era sereno e aggiunse che non conosceva la vittima.  I genitori di Stefano Leo, giovane che lavorava in un negozio di abbigliamento in piazza Cln, sono stati sempre presenti in aula e hanno commentato: “La giustizia ha fatto il suo corso. Noi siamo sempre stati fiduciosi e la sentenza oggi ci da’ ragione. Stefano è sempre stato qui non se ne è mai andato. Anche adesso è qui”.

(foto Liguori)

Tags:

Recenti: prima pagina

IL METEO E' OFFERTO DA



Da qui si Torna su