Lotta alla ‘ndrangheta: 12 arresti tra Torino, Cuneo e Reggio Calabria

in prima pagina

Nelle prime ore della mattinata, fra le province di Torino, Cuneo e Reggio Calabria, la Squadra Mobile di Torino ed il Nucleo Investigativo del Comando Provinciale dei Carabinieri di Cuneo hanno dato esecuzione all’Ordinanza dispositiva della custodia cautelare riguardante 12 persone (8 custodie in carcere – 4 arresti domiciliari). Contestualmente all’esecuzione delle misure restrittive sono state eseguite ulteriori 30 perquisizioni domiciliari, nelle province di Torino, Cuneo e Reggio Calabria.

Per la realizzazione della fase esecutiva odierna sono stati impiegati complessivamente oltre 200 uomini di Polizia e Carabinieri, con l’utilizzo di reparti di rinforzo del controllo del territorio e di unità specialistiche cinofile per la ricerca di droga ed armi.

L’attività investigativa, iniziata nell’ottobre del 2016, ha consentito di rivelare per la prima volta l’esistenza di un “locale” di ‘ndrangheta nella provincia di Cuneo, precisamente nel comune di Bra (CN), avente al vertice la consorteria mafiosa riconducibile alla famiglia Luppino, originaria del comune reggino di Sant’Eufemia d’Aspromonte (RC) e da anni radicata nel centro della provincia cuneese.

L’avvio delle indagini da parte delle due FF.PP., che hanno sinergicamente operato sotto la direzione della D.D.A., è scaturito dalle dichiarazioni rese da un  collaboratore di giustizia  all’epoca detenuto nel carcere di Saluzzo (CN) per l’espiazione della pena di trent’anni di reclusione per l’omicidio di Giuseppe Trapasso, avvenuto nel 2008, nonché per la sua appartenenza al “locale” di ‘ndrangheta di Volpiano. A seguito delle puntuali dichiarazioni del collaboratore, circa l’esistenza di un ignoto “locale” di ‘ndrangheta a Bra, sono iniziate le attività investigative finalizzate a riscontrarne la fondatezza.
Determinanti, per l’acquisizione delle fonti di prova che hanno consentito di raggiungere l’importante risultato investigativo di disarticolare la consorteria mafiosa, si sono rivelate le attività tecniche svolte dagli organi inquirenti.

Luppino (al quale insieme al fratello Vincenzo è contestato il ruolo di promozione, direzione e organizzazione del locale di Bra) è stato già arrestato nel 2003 perché coinvolto nell’operazione contro la ‘ndrangheta denominata “Vangelo” (coordinata dalla D.D.A. di Reggio Calabria), indagine che aveva consentito di svelare un fiorente traffico di sostanze stupefacenti lungo l’asse Calabria – Torino – Bra.
Il locale di Bra è risultato avere collegamento con la ‘ndrina degli Alvaro di Sinopoli.

Luppino anche quando ancora si trovava detenuto nel carcere di Saluzzo per scontare più condanne definitive per delitti di usura, associazione finalizzata al traffico di stupefecenti, detenzione e porto di armi e fruiva di permessi premio, manteneva i contatti con i suoi sodali e dava loro direttive.

Il traffico di sostanze stupefacenti, in aggiunta alle altre tipologie dei reati fine documentati, è risultato essere tra le principali fonti illecite di guadagno del sodalizio, al punto che è stato possibile accertare l’esistenza di una vera e propria organizzazione dedita al traffico di stupefacenti collegata alla cellula di ‘ndrangheta operativa in Bra; ciò in ampio riscontro a quanto dichiarato dal collaboratore Agresta laddove evidenziava come lo spaccio di stupefacenti costituisse una delle principali attività del sodalizio mafioso capeggiato dai fratelli Luppino.
Nei quasi due anni d’indagine, è quindi emerso un articolato traffico di di sostanze stupefacenti (cocaina e marijuana).

 

Di rilievo sono i contatti e gli appoggi di cui il gruppo criminale guidato da Luppino poteva godere nell’ambito delle forze dell’ordine e dell’amministrazione pubblica locale.
Sono stati individuati due appartenenti all’arma dei carabinieri, all’epoca dei fatti operativi a Bra, indagati per favoreggiamento personale e rivelazione di segreti di ufficio aggravati dall’agevolazione mafiosa, i quali erano molto vicini alla famiglia Luppino a cui passavano informazioni riservate.
E’ stato individuato altro militare dell’arma dei carabinieri, all’epoca operativo in Calabria a Villa San Giovanni, anch’egli indagato per favoreggiamento personale e rivelazione di segreti di ufficio oltre che per accesso abusivo ai sistemi informatici riservati aggravati dall’agevolazione mafiosa, il quale ugualmente offriva ai Luppino notizie coperte dal segreto.
Luppino Salvatore poteva altresì contare sulla collaborazione di due appartenenti alla Polizia Penitenziaria del carcere di Saluzzo, ove egli era ristretto in espiazione pena, i quali provvedevano a fargli avere all’interno del carcere beni vietati. I predetti sono indagarti per il delitto di corruzione aggravato dall’agevolazione mafiosa.
Stretti contatti aveva Luppino Salvatore, anche tramite i suoi famigliari, con un appartenente alla pubblica amministrazione di Bra. Durante un permesso premio paventando possibili influenze sulle competizioni elettorali, si adopera per garantirsi l’aiuto necessario ad ottenere un lavoro al fine di poter accedere a misure alternative alla detenzione. Ne è derivata un’iscrizione per il delitto di cui all’art. 416 ter c.p. e cioè per scambio elettorale politico – mafioso.
E’ emerso come i fratelli Salvatore e Vincenzo Luppino siano personaggi di spicco nel territorio tanto da essere percepiti dai terzi in grado di influenzare l’assegnazione dei posti in occasione della manifestazione denominata “Cheese” organizzata da “SLOW FOOD”.
Una contestazione per concorso esterno in associazione di stampo mafioso è stata mossa ad un avvocato, che è risultato fare da tramite tra Luppino Salvatore ed esponenti di spicco della ‘ndrangheta. Inoltre grazie a tali contatti è emerso avere ottenuto denaro in prestito a condizioni vantaggiose ed in cambio si è offerto di effettuare una consegna in carcere ad un detenuto vicino al gruppo al di fuori delle regole carcerarie.

Tags:

Recenti: prima pagina

IL METEO E' OFFERTO DA



Da qui si Torna su