I lavoratori del Regio vogliono tornare a teatro

in BREVI DI CRONACA

Riceviamo e pubblichiamo / Le Rsu del Teatro Regio e le OO. SS. di Torino non intendono entrare nel merito dell’indagine relativa all’inchiesta per presunta corruzione che vede indagato l’ex sovrintendente William Graziosi, sulla quale farà luce la magistratura.

I rappresentanti intendono esprimere unitariamente la volontà delle lavoratrici e dei lavoratori di convogliare tutte le energie verso un imminente rientro al lavoro e ripresa della produzione; tornare a cantare, a suonare, a fare teatro, ad assolvere gli scopi per cui il Teatro Regio esiste, rispondendo alla vocazione democratica e costituzionale della musica.

Inoltre, in questo momento difficile che vede la maggior parte dei dipendenti del Teatro sospesi dalle attività da oltre due mesi, con il contratto nazionale scaduto da quasi 15 anni e con gravi carenze occupazionali, le RSU del Teatro Regio di Torino e le OO. SS. si appellano al Comune, alla Regione e ai Soci Fondatori affinché i lavoratori non debbano essere vittime di cattive gestioni passate o future, né di scelte politiche incuranti delle funzioni e delle peculiarità delle istituzioni culturali.

Le OO. SS. territoriali e Le RSU del Teatro Regio di Torino 

Tags:

Recenti: BREVI DI CRONACA

IL METEO E' OFFERTO DA



Da qui si Torna su