Mondiali 2022 in Qatar: si fermeranno i campionati nazionali

in SPORT

Mai nella sua storia un Mondiale di calcio si è disputato in inverno. La prossima volta invece accadrà, in occasione dei mondiali del 2022 che si disputeranno nel Qatar. Di conseguenza saranno fermati tutti i campionati di calcio nazionali nel pieno del calendario calcistico già nel mese di ottobre, in Europa, in sud America e in tutta l’Asia

Tra stupore e incredulità è tutto vero, come già sappiamo. Insomma, una cosa mai vista prima. Come è stato possibile che la FIFA, la federazione internazionale di calcio, abbia deciso di assegnare il principale evento calcistico del mondo ad un Staterello arabo del Golfo (300.000 qatarioti residenti e 2 milioni di lavoratori stranieri) ricchissimo ma molto piccolo, privo di tradizioni sportive (la falconeria è lo sport nazionale), senza strutture all’altezza e caratterizzato da un clima desertico e quindi molto caldo?

Non solo, ma anche un Paese sotto osservazione da molti anni per il suo ruolo di sostenitore del terrorismo islamico nel mondo e finanziatore dei Fratelli Musulmani nei Paesi arabi. Interrogativi ai quali il libro “Qatar 2022, un mistero mondiale” (Lupetti editore) di Gianluca Mazzini, vicedirettore dello sport di Mediaset, vuole provare a dare una spiegazione. Se ne è parlato al Centro Federico Peirone, l’Istituto del mondo arabo di Torino, in una conferenza in cui, oltre all’autore, hanno partecipato i giornalisti Mino Taveri, conduttore televisivo di Mediaset, Beppe Novero e l’ex calciatore Ciro Ferrara. “È una storia molto intricata, ha osservato Mazzini, che non parla solo di sport ma anche di lotte geopolitiche in Medio Oriente e in Libia, di terrorismo e petrolio, di fondi di investimento e di potere televisivo, Al Jazeera, campioni di calcio e tecnologia, immigrazione e assenza di diritti e democrazia”. Una realtà molto complessa, quella del Qatar, alle prese con un’operazione che ha un indubbio valore tecnico ma soprattutto un eccezionale valore di immagine per “legittimare” in qualche modo i più discussi e controversi Mondiali di calcio di tutti i tempi che si svolgeranno nell’Emirato qatariota nell’inverno del 2022. Una decisione che ha provocato uno scandalo mondiale che ha travolto la stessa FIFA costringendo alle dimissioni il suo storico presidente Sepp Blatter, accusato di corruzione. “Certamente, hanno spiegato i relatori, la decisione di stupire il mondo con Neymar che palleggia sotto la Torre Eiffel con la maglia rossoblu del Paris Saint Germain, la squadra in cui milita il campione brasiliano, aveva anche un preciso scopo politico per il Qatar, e cioè rompere l’isolamento diplomatico dell’Emirato e degli altri Paesi del Golfo, oscurare le critiche sulla mancanza di democrazia e far dimenticare le accuse di finanziare il terrorismo islamista”. Usare quindi lo sport per nascondere i problemi interni e per purificare l’immagine negativa del Qatar nel mondo. “Qatar, mondiali 2022” è un libro che apre uno squarcio sui Mondiali di calcio del 2022, una vetrina non solo sportiva ma anche geopolitica, economica e militare, un viaggio affascinante attraverso le mille contraddizioni del Qatar, alleato con l’Iran e principale finanziatore di moschee e centri islamici in Europa (Italia compresa) legati ai Fratelli musulmani come sostengono i massimi studiosi del fondamentalismo islamico. Un fiume di denaro che parte dal Paese del Golfo per raggiungere le associazioni islamiste sparse nel mondo, ben documentato nei “Qatar papers”, il libro inchiesta dei giornalisti francesi Christian Chesnot e Georges Malbrunot. Malgrado Trump accusi l’Emirato di finanziare il terrorismo islamico gli americani non possono sospendere i rapporti con la capitale Doha perchè in Qatar gli Stati Uniti utilizzano la base aerea di al-Udeid, la più grande base militare a stelle e strisce in Medio Oriente.

Filippo Re

Tags:

Recenti: SPORT

IL METEO E' OFFERTO DA



Da qui si Torna su