Ritorno al futuro nella notte al Liceo Classico Cavour

in CULTURA E SPETTACOLI

Venerdì 17 Gennaio 2020, dalle ore 18 alle ore 24, presso il Liceo Classico e Musicale C. Cavour (Corso Tassoni 15) si è svolta la sesta edizione della “Notte Nazionale del Liceo Classico”

Nata nel 2015 da un’idea del prof. Rocco Schembra, del Liceo “Gulli e Pennisi” di Acireale (CT), la Notte si
arricchisce di anno in anno di Licei aderenti (oltre 430 in tutta la penisola), di partenariati e di attività, che
vedranno protagonisti gli studenti, gli ospiti e il pubblico.
Studenti e docenti hanno lavorato con creatività e intensità nei mesi scorsi, per preparare una kermesse
variegata, risultato della straordinaria progettualità dell’Istituto. Un appuntamento costruito con grande
energia e spirito di collaborazione; un modo diverso di “fare scuola” e di mettere a frutto il lavoro quotidiano.
I contenuti dell’evento, dal titolo Ritorno al futuro, come il film ormai “classico” di cui ricorre nel 2020 il
trentacinquesimo anniversario, sono stati progettati pensando ad una scuola che sappia allargare gli orizzonti
dal passato al futuro (connecting the dots) e anche aprirsi e avvicinare i propri studenti al mondo che li
circonda nei suoi vari aspetti, per farli crescere con nuove prospettive. Un viaggio attraverso il tempo e i
tempi, le arti e le forme espressive, non un luogo di lingue morte o di culture ormai tramontate, ma di
coinvolgimento, di socialità e di crescita civile e personale, il luogo in cui non ci si ferma alle apparenze e si
costruisce il futuro imparando a porsi problemi “antichi”.
La lunga serata ha avuto momenti di incontro con ospiti esterni, interviste, debate, musica, recitazione e
performance di varie arti, gestite dai ragazzi, con una pausa per una cena condivisa. Guidati dagli esperti di
Arkenù, gli studenti del Liceo della Comunicazione hanno realizzato la diretta streaming dell’evento, che
quest’anno connetterà anche più punti del Liceo, tutti in diretta.
Il pubblico ha potuto incontrare il ricercatore Giorgio Vacchiano, individuato nel 2018 da Nature
tra gli 11 scienziati emergenti, che ha dialogato con gli studenti su “Immaginare il futuro. Storie di foreste che
cambiano il pianeta”. Poi una serie di momenti musicali.