Alessandro Fullin e le monache di santa Tecla circondati dai Tedeschi invasori

in CULTURA E SPETTACOLI

Fino a domani 17 novembre al teatro Gioiello “Suore nella tempesta”

Alessandro Fullin, dopo i successi di Piccole gonne e La Divina, riempie i teatri, diverte, lega alle poltrone gli spettatori. Non soltanto più l’eccentrico, sulfureo personaggio alternativo di Zelig, bensì il responsabile assoluto del palcoscenico. Scrive, recita, dirige, con il risultato assicurato. Quest’anno ha promesso e mantiene la faville con Suore nella tempesta (teatro Gioiello, dino a domenica 17), commedia tratta da un proprio testo dialettale, Basabanchi, pubblicato un paio d’anni fa. Forse non una commedia ampiamente “compiuta”, forse meglio uno srotolarsi di sketches con cappello introduttivo, brevissimo svolgimento e battuta (battutina o battutaccia finale: senza che certo ce ne facciamo gran peso, i doppi sensi abbondano e traboccano) finale. Ma il divertimento – ovvero quel che il pubblico aspetta e pretende – è assicurato e, nella Torino del 1944 zeppa di truppe tedesche e con gli americani che continuano a bombardare, il cibo sempre a scarseggiare, i rappresentanti dell’ordine teutonico che non passa giorno che non bazzichino per il convento, la suora che si desuorizza e ti fa un pargolo con quell’omone barbuto che un tempo è venuto a cercare riparo lì da loro, le monache di santa Tecla, responsabile di unità e di continui miracoli, non possono non spremere risate. Fullin sta a metà strada tra la gran dama e la madre badessa tutta frizzi, ironizza, cala i suoi assi migliori, entra ed esce senza badare a spese dal periodo storico e l’anacronismo si rivela una carta vincente dello spettacolo. Ci infila pure azzeccate battute in piemontese che fanno la felicità del pubblico: come le canzoncine e i balletti che coinvolgono i suoi compagni di lavoro, Tiziana Catalano, Diego Casale, Simone Faraon, Sonia Belforte, Paolo Mazzini, Sergio Cavallaro (che firma pure le scene, i costumi spiritosi sono di Monica Cafiero), Francesco Scalas.

 

Elio Rabbione