Militanti aggrediti, Rosso (FdI): Sindaco prenda provvedimenti su centri sociali

in BREVI DI CRONACA

Riceviamo e pubblichiamo

«Spero non si aspetti che ci scappi il morto, per accorgersi di quello che sta succedendo a Torino: una città dove si tollera e si favorisce la presenza dei cosiddetti centri sociali, nei quali alligna la violenza, l’intolleranza e dove potrebbero anche svilupparsi i germi del terrorismo». Roberto Rosso, capogruppo Fratelli d’Italia in Sala Rossa, commenta in questo modo l’aggressione, avvenuta ieri sera, ai danni di due militanti dello spazio identitario Aliud, entrambi iscritti a Fratelli d’Italia. Ad assalirli, una quindicina di incappucciati.

I ragazzi sono stati pedinati dall’uscita della sede fino sotto casa di uno dei due – si legge sul profilo Facebook del Circolo – per poi essere assaliti da una quindicina di ragazzi con il volto travisato. Presi a calci e pugni i due sono finiti all’ospedale Martini. Il circolo nei giorni scorsi era già stato preso di mira con minacce e intimidazioni, scritte sui muri. Le tensioni nel quartiere San Paolo si sono alimentate dopo la manifestazione promossa dal Gabrio e Studenti indipendenti.

«Oggi ho depositato una richiesta di comunicazioni urgenti al Sindaco Chiara Appendino – prosegue Rosso – in merito alla grave aggressione di stampo politico di ieri sera a Torino: è intollerabile che nel 2019, in un Paese democratico, si torni alla violenza per le strade, agli agguati, ai pedinamenti, ai pestaggi di gruppo che possono avere anche conseguenze tragiche. Malmenare due ragazzi soltanto per le loro idee, oltre che criminale è del tutto assurdo».

«Non siamo ancora alle chiavi inglesi, quelle usate dagli assassini di Sergio Ramelli, ma poco ci manca – continua Rosso – e così mentre Liliana Segre è costretta alla protezione per via di insensate minacce online, a Torino qualcuno passa alle vie di fatto, probabilmente qualcuno di quelli che si fregiano della verità in tasca e del potere di giudicare chi è buono e chi è cattivo. Poi vanno a pestare la gente senza altro motivo che l’odio politico».

«Voglio chiedere al Sindaco se secondo lei esistono aggressioni di serie A e aggressioni di serie B. Spesso si è mobilitata, giustamente, contro insulti e parole. Oggi mi auguro che prenda una posizione decisa e inequivocabile contro un pestaggio vigliacco indegno di una città civile e democratica e contro le minacce di morte subite dai due ragazzi aggrediti».

«Ci auguriamo – conclude Rosso – che la Commissione Segre, una volta insediata, anziché essere strabica a sinistra guardi anche a quei facinorosi che l’odio non lo praticano solo a parole ma con pugni e calci».