Compro-oro truffa una coppia

in BREVI DI CRONACA
L’uomo è stato denunciato dalla Polizia di Stato
Sabato scorsa una coppia di cittadini italiani si è recata presso un comprooro di via Reiss
Romoli e ha chiesto la valutazione di alcuni gioielli al dipendente presente nel negozio. Questi,
come prima cosa, faceva firmare alla coppia un foglio in bianco asserendo trattarsi della
dichiarazione di legale provenienza e l’autorizzazione per la privacy. Avuta la stima dei preziosi,
i coniugi decidevano che non conveniva loro concludere l’affare in quanto presso un altro
negozio era stata effettuata loro una valutazione superiore di 150 €. Pertanto, chiedevano la
restituzione dei preziosi. Il dipendente, però, li informava che ormai avevano firmato e si
sarebbe proceduto con la compravendita. Iniziava a preparare infatti un assegno postale
dell’importo di 850 € e nonostante le vibrate rimostranze fatte dalla controparte, a scrivere
sul registro il passaggio dei preziosi. Pertanto, la coppia contattava il 112 NUE, che inviava sul
posto personale della Squadra Volante. Gli agenti sequestravano a carico del comprooro
l’assegno già compilato, l’atto di vendita con relativa ricevuta, la fotocopia del registro acquisti;
l’uomo, un trentunenne italiano, è stato denunciato per truffa.