La Circoscrizione 1 Centro-Crocetta, modello di decentramento torinese

in POLITICA

 Ne parliamo con il capogruppo del PD in Circoscrizione, Thomas Ponte

 

“Siamo giunti qui a Torino a più di metà mandato di questa amministrazione comunale pentastellata, entrata in carica a fine giugno 2016 – spiega Thomas Ponte, consigliere e capogruppo del PD della Circoscrizione 1 Centro-Crocetta. Lo scenario politico, in realtà, risulta  cambiato dopo gli eventi politici accaduti a livello nazionale in questa folle estate. I miei atti di capogruppo sono stati di opposizione nei confronti della maggioranza guidata dal sindaco Appendino, come quelli delle circoscrizioni cittadine amministrate dal centrosinistra. Questa amministrazione ha dimostrato delle inefficienze e compiuto virate a 360 gradi, oltre che aver dimostrato diverse incoerenze rispetto al programma annunciato durante la campagna elettorale. Tra queste, sicuramente, spicca il progetto di creazione di nuovi centri commerciali, che vanno a penalizzare il piccolo commercio, di cui questa amministrazione aveva dichiarato di voler farsi carico con il suo potenziamento”.

“Il piccolo commercio a Torino – prosegue Thomas Ponte – versa in uno stato di grande sofferenza. Il Comune non ha fatto grandi sforzi per aiutare i piccoli commercianti che, spesso, non riescono a competere con le vendite su Amazon ed i grandi marchi. Torino ha anche perso, negli ultimissimi anni, preziose opportunità di promozione a livello italiano ed internazionale, come la diffusione a livello nazionale della comunicazione della mostra su Leonardo e la creazione di eventi per celebrare i 500 anni dalla nascita di questo genio, come accaduto in altre città quali Milano. Il Comune di Torino ha poi dimostrato il suo fallimento nell’organizzazione di manifestazioni come “Natale coi fiocchi” e Cioccolato’ ed ora ha avanzato una proposta che rappresenta un punto di frattura rispetto alla nostra visione di città, l’estensione oraria della Ztl.  Gli studi commissionati dal Comune di Torino a 5 T e pagati con i soldi dei cittadini, hanno dimostrato che questo provvedimento non porterà alcuna facilitazione o miglioramento di tipo ambientale”.

“Torino – prosegue il capogruppo del PD nella Prima Circoscrizione Thomas Ponte – necessiterebbe non soltanto di un miglioramento nella comunicazione degli eventi, ma anche nella loro organizzazione, di una accelerazione nei collegamenti tra la città  ed il suo aeroporto e di un potenziamento di quest’ultimo “.

“Bisogna frenare – afferma Thomas Ponte – il processo di cosiddetta “decrescita infelice” che sta conoscendo da un paio di anni la nostra città. Certo non conforta la nomina di Iaria ad assessore all’Urbanistica.

Il Consiglio della Circoscrizione 1 rappresenta, nel complesso del panorama cittadino, un’isola felice, in quanto è animato da un buon spirito di collaborazione. Cerchiamo di fare il massimo con il poco budget a disposizione. Una nota positiva di questo consiglio è  la presenza di otto consiglieri su dieci del PD che sono al primo mandato, fatto che rappresenta un evidente e auspicabile cambio generazionale. Il vicepresidente della Circoscrizione 1  Francesco Martinez del Partito Lista Civica ha, per esempio, la delega al Verde pubblico e sta compiendo sforzi importanti per combattere il degrado presente questo fronte. Come Circoscrizione la nostra non presenta i problemi della Settima o della Quinta ma, nella vasta area che la Prima ingloba, figura anche la zona di via Arquata definita la “periferia della Crocetta”, in cui compaiono diverse situazioni di disagio giovanile ed adolescenziale”.

“I 5 Stelle- prosegue Thomas Ponte – non si sono mossi in modo positivo e razionale neanche sul fronte del decentramento cittadino, in quanto hanno creato un tavolo di concertazione e progettazione, che pare fatto apposta per sostituire le circoscrizioni stesse che, a loro volta, hanno già conosciuto un processo parziale di accorpamento, ispirato a criteri non troppo logici. Le circoscrizioni, invece, deveno essere salvaguardate, perché rappresentano spesso il primo campo di azione di giovani esponenti politici che possono proporre idee innovative, oltre ad essere un prezioso strumento di ascolto dei cittadini e delle loro necessità”.

 

Mara Martellotta