Controlli della Guardia costiera ai mezzi che trasportano rifiuti all’interno del porto di Genova

in Dall Italia e dal Mondo

La Capitaneria di porto nel corso di regolari controlli in materia ambientale all’interno del porto di Genova ha sottoposto a verifica due furgoni appartenenti a ditte distinte – di cui l’una operante nel porto di Genova e l’altra avente sede ad Asti – intenti a conferire rifiuti ferrosi presso un intermediario avente sede all’interno dell’area delle “riparazioni navali”.

Nel corso dei controlli, finalizzati a verificare il corretto possesso dei requisiti previsti dalle norme in vigore per il trasporto dei rifiuti, è emerso che il conducente di uno dei due mezzi non era in grado di produrre alcuna documentazione autorizzativa. A seguito di verifiche, si accertava infatti che la stessa ditta proprietaria del mezzo non era iscritta all’albo nazionale dei gestori ambientali. Per quanto emerso, si procedeva quindi al deferimento all’autorità giudiziaria sia del conducente dell’autoveicolo, sia del legale rappresentante della ditta proprietaria del mezzo.

Il secondo veicolo, invece, risultava sprovvisto della prevista autorizzazione ambientale per il trasporto di rifiuti, ma in questo caso la ditta proprietaria risulta regolarmente iscritta. Il formulario al seguito dei rifiuti risultava, tuttavia, erroneamente compilato riportando i dati di un veicolo terzo.

Si procedeva quindi al deferimento presso l’Autorità Giudiziaria anche del conducente e del legale rappresentante della seconda ditta e, contestualmente si elevava una sanzione amministrativa per un totale di € 3.100.

In entrambi i casi si procedeva al sequestro dei mezzi e dei rifiuti che ammontavano ad un carico complessivo di circa 2200 Kg.