Lutto per le vittime piemontesi del ponte Morandi

in prima pagina

Bandiere del Piemonte, dell’Italia e dell’Ue a mezz’asta mercoledì 14 agosto, a Palazzo Lascaris sede del Consiglio regionale, e alla sede della Regione di piazza Castello, a un anno dalla tragedia del ponte Morandi in cui persero la vita 43 persone, di cui 10 piemontesi. Lo hanno deciso i presidenti del Consiglio e della Giunta regionale Stefano Allasia e Alberto Cirio.

“Nella mente di tutti noi resteranno impresse per sempre le immagini sconvolgenti di Genova. Il Piemonte si stringe al dolore di color che un anno fa con il ponte Morandi hanno visto crollare anche le proprie vite, private sotto quelle macerie degli affetti più cari” dichiarano i due presidenti ricordando il momento in cui “alle 11.36 di martedì 14 agosto 2018 la parte centrale del ponte sprofondò improvvisamente”.

In quell’occasione persero la vita 43 persone, 15 rimasero ferite e oltre 650 furono costrette, per motivi di sicurezza, ad abbandonare le proprie abitazioni. Tra le vittime, i piemontesi Andrea Vittone, Claudia Possetti e i figli di lei Manuele e Camilla Bellasio, di Pinerolo; Cristian Cecala, Dawna Munroe e la piccola Chrystal, di Oleggio; Alessandro Robotti e Giovanna Bottaro, di Arquata Scrivia; Marta Denisi, originaria di Sant’Agata di Militello, da alcuni anni infermiera ad Alessandria