Trekking della memoria sui sentieri dei partigiani di Filippo Maria Beltrami

in CULTURA E SPETTACOLI

Il 16 e il 17 agosto si svolgerà tra il Cusio e la bassa Val d’Ossola la 19a edizione del Sentiero Beltrami, manifestazione escursionistica sui luoghi della Resistenza.

Il sentiero ripercorre la storia del comandante partigiano Filippo Maria Beltrami e vuole essere un contributo a mantenere vivo il ricordo e il patrimonio della lotta di Liberazione e degli ideali che l’hanno animata. Beltrami e i suoi uomini furono protagonisti di alcune delle più importanti vicende della Resistenza: dall’occupazione di Omegna il 30 novembre del 1943, insieme a Cino Moscatelli, alla battaglia di Megolo in Val d’Ossola dove, il 13 febbraio 1944, rifiutata l’offerta di resa dei tedeschi, il capitano Beltrami morì in battaglia insieme ad altri undici partigiani tra i quali figuravano Gaspare Pajetta, Gianni Citterio e Antonio Di Dio. L’intero tracciato è accompagnato da bacheche illustrative e un’apposita segnaletica che documentano gli eventi della Resistenza e fu reso possibile grazie all’impegno e alla realizzazione dei lavori di sistemazione e segnalazione del “Sentiero Beltrami” dalle allora Comunità Montane Cusio Mottarone e Monte Rosa, con il contributo della Regione Piemonte. Il programma prevede, nella prima giornata di venerdì 16 agosto, il ritrovo alle 8 del mattino a Cireggio di Omegna (Vb) presso il monumento che ricorda Beltrami e da lì i partecipanti saliranno a Quarna Sopra seguendo al mulattiera del Fontegno e poi l’Alpe Camasca dove si terrà l’orazione ufficiale della sindaca di Pieve Vergonte, Maria Grazia Medali. La camminata proseguirà nel pomeriggio fino a Strona di Valtrona. Il giorno successivo, sabato 17 agosto, da Omegna verrà raggiunta – con un servizio di trasporto gratuito – la località di Campello Monti, insediamento walser in alta valle Strona e da lì, passando dal lago di Ravinella e dall’alpe Orcocco, i camminatori sosteranno nel tardo pomeriggio al Cortavolo per un omaggio al monumento che ricorda i caduti della battaglia di Megolo e, infine, la frazione del comune di Pieve Vergonte dove terminerà la manifestazione.

Marco Travaglini