Il museo di Auschwitz minaccia di disertare il Salone

in prima pagina

E’ ancora polemica tra “fascisti” e “antifascisti” al Salone del Libro. Halina Birenbaum, una donna sopravvissuta al famigerato campo di concentramento  e il direttore del museo di Auschwitz Piotr Cywinski, hanno scritto al Comune condannando la presenza di Altaforte, la casa editrice  legata a Casapound al Salone che apre  giovedì. Si legge nella lettera: “Non è possibile chiedere ai sopravvissuti di condividere spazi  con chi mette in discussione i fatti storici che hanno condotto all’Olocausto e con chi ripropone un’idea fascista della società. Usciremo dal Salone del libro per entrare nella città”.