Stefano Leo forse ucciso per uno scambio di persona

in prima pagina

Le cronache torinesi de La Stampa scrivono che la pista  seguita dai pm Bucarelli e Santoriello  sul caso dell’assassinio di Stefano Leo, sgozzato ai Murazzi lo scorso febbraio,  sarebbe quella dell’errore di persona. Troppo debole la versione data dall’omicida reo confesso durante l’interrogatorio  del 30 marzo scorso al comando provinciale dei carabinieri. L’omicida Said Machaquat disse di voler uccidere un italiano per  “strappargli  la felicità». Un movente che non convince.