Comba (FdI): confronto per la stabilizzazione dei precari del 118

in POLITICA

“Pieno appoggio ai precari senza però ledere i legittimi diritti di chi è risultato vincitore di concorso. La stabilizzazione degli oltre 80 medici precari in servizio sulle ambulanze del 118 sarebbe dovuta essere condivisa con l’Ordine dei medici e le Organizzazioni dei lavoratori di categoria. Ho appreso da fonti sindacali che non c’è stato alcun confronto e che l’assessore alla Sanità, Antonio Saitta, ha preferito tatticismi politici”. Così Fabrizio Comba, coordinatore regionale di Fratelli d’Italia, sulla stabilizzazione, lo scorso dicembre in Consiglio regionale, del personale medico in servizio al 118.

La norma della Regione dispone che i medici precari del 118 con contratti a tempo determinato, rapporti di lavoro flessibile e un’anzianità lavorativa di almeno tre anni, possano accedere alle procedure di assegnazione di incarichi in convenzione a tempo indeterminato anche senza aver superato il corso di Medicina generale, come sarebbe richiesto, ma solo quello di Emergenza territoriale.

“Quella di Saitta è stata una scelta azzardata – ha proseguito Comba – e il provvedimento è stato impugnato dal Governo. La prova che sul lavoro delle persone e sulla salute dei cittadini non è ammissibile giocare e fare tattica. Sono temi sui quali ci si deve confrontare seriamente”.