"Liberi tutti", dai Subsonica al Museo Ettore Fico

in ECONOMIA SOCIETA' E COSTUME

FICO MUSEO

L’arte italiana dalla caduta del muro di Berlino all’attentato delle Torri Gemelle in mostra al Museo

 

L’estate al Museo Ettore Fico riserva una duplice opportunità,  quella di visitare la mostra curata da Andrea Busto dal titolo “Gli anni del Mediterraneo” e quella di addentrarsi nell’esposizione dal titolo emblematico “Liberi tutti” che Luca Beatrice, Andrea Busto e Cristina Perrella hanno dedicato all’analisi, da una prospettiva prettamente storica, della generazione di artisti italiani attivi tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio del Duemila. Per quanto riguarda la prima mostra sugli Anni del Mediterraneo,  è appunto il Mare Nostrum a fare da protagonista assoluto,  attraverso i numerosi viaggi compiuti da Ettore Fico nella culla della nostra antica civiltà.  La vocazione mediterranea dell’artista è testimoniataassoluto, infatti, da alcune serie tematiche ricorrenti all’interno della sua variegata produzione artistica. A partire dagli esordi, il pittore cominciò a dipingere con toni terrosi e spenti la natura del Maghreb,  immortalando contemporaneamente i suoi commilitoni. In seguito, tra la fine degli anni Cinquanta e l’inizio dei Sessanta, Fico frequentò assiduamente la costiera amalfitana,  ritraendone rudezza e folcklore. Non mancano i contorni del litorale ligure, della Provenza e della Camargue francesi, colti attraverso una gamma di colori calda e suadente. La seconda esposizione,  dal titolo “Liberi tutti. Arte e società in Italia. 1989-2001”, promossa dal Museo Ettore Fico, rappresenta una recognizione in chiave storica della produzione artistica italiana compresa tra due eventi cruciali,  la caduta del muro di Berlino e l’attentato alle Torri gemelle a New York. In quegli anni la cultura e la società hanno conosciuto cambiamenti molto intensi, in attesa di un altro passaggio cruciale,  l’avvento di un nuovo secolo e millennio.  In mostra sono esposte le opere di una generazione di artisti che ha praticato, rispetto a quella precedente,  una grande libertà stilistica,  formale e di contenuti, passando  dalla pittura al video, dall’installazione alla scultura e dalla fotografia all’oggetto.

 Mara Martellotta

Le due mostre sono aperte fino al 18 ottobre 20 15 al Museo Ettore Fico, in via Cigna 114.

Orario Merc-ven 14-19, sab-dom 11-19. Pausa estiva dal 3 al 27 agosto