Processo al finto colpo di frusta: fruttava anche 20 mila euro

L’organizzazione si avvaleva della complicità di carrozzerie, studi medici e legali

 

TRIBUNALE 1Una vera e propria banda truffava le assicurazioni denunciando incidenti fasulli. Secondo una testimonianza al processo in corso (pm Paolo Toso) l’espediente di fingere di aver subito il cosiddetto colpo di frusta si rivelava un business vero e proprio, tanto da fruttare illecitamente fino a 20 mila euro”. Gli imputati nel procedimento al palagiustizia sono 90. Di questi 46 avevano patteggiato e 10 erano stato condannati in rito abbreviato. L’organizzazione si avvaleva della complicità di carrozzerie, studi medici e legali.

Articolo Precedente

Risarciti due milioni alla famiglia di Vito Scafidi

Articolo Successivo

Ruffino (FI): "La Regione sta isolando Val Sangone e Pinerolese"

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA