Superchiampa incontra Fassino, primi passi “in famiglia” per il governatore

EDITORIALE – Alle prese con le spine legate alla composizione della Giunta, Chiamparino dovrà subito mettersi al lavoro per affrontare questioni “toste”: la sanità e i suoi conti, l’impiego dei fondi europei, il futuro di Fiat inteso come : “cerchiamo di non farla proprio scappare del tutto da Torino”. E poi i trasporti, la cultura e il turismo

 

chiampafassinoQuando nel 2010 Roberto Cota venne eletto governatore, il primo giro di “ambientazione” nei meandri – o sarebbe meglio dire gironi? –  regionali che, in seguito,  gli si sarebbero rivelati fatali glielo fece fare Enzo Ghigo: novello “Virgilio” propostosi come guida,  forte della sua esperienza di presidente del Piemonte per un decennio. Cota ha telefonato a Superchiampa per congratularsi della vittoria ma chissà se lo accompagnerà a visitare le sedi regionali e a conoscere i dirigenti e funzionari. Forse sarebbe pretendere troppo da entrambi.

 

Intanto Chiamparino ha iniziato il suo tour pre-insediamento incontrando il collega-compagno istituzionale e di partito Piero Fassino, suo successore alla carica di primo cittadino. Un incontro politico e di cortesia anche con il segretario regionale democratico Davide Gariglio, mister preferenza di queste elezioni, con i suoi 14 mila voti. Insomma, per iniziare l’esplorazione del suo nuovo ruolo, il presidente ha scelto un approccio “tutto in famiglia”. 

 

Alle prese con le prime spine legate alla composizione della Giunta, Chiamparino dovrà subito mettersi al lavoro per affrontare questioni “toste”: la sanità e i suoi conti (si è appena dimesso il direttore regionale Sergio Morgagni), l’impiego dei fondi europei, il futuro di Fiat inteso come : “cerchiamo di non farla proprio scappare del tutto da Torino”. E poi i trasporti, la cultura e il turismo in vista di Expo 2015, dove il Piemonte deve cercare di lasciare la propria traccia. Questione di pochi giorni e ci sarà la proclamazione ufficiale del governatore e del suo “listino”. A seguire, quella del nuovo Consiglio regionale. E chi vivrà vedrà.

 

Cristiano Bussola

 

(Foto: Consiglio Regionale del Piemonte)

Articolo Precedente

Le immagini più belle sull’hashtag #vivilpiemonte

Articolo Successivo

Condannati tre no Tav

Recenti:

IL METEO E' OFFERTO DA