Il matrimonio (in chiesa) non va di moda

in ECONOMIA E SOCIALE

Nel 2012 sono stati celebrati 2.756 matrimoni, rispetto ai 2.882 del 2011. La notizia è stata fornita all’inaugurazione del 75mo Anno Giudiziario da don Ettore Signorile,  vicario giudiziale del Tribunale Ecclesiastico regionale del Piemonte

 

chiesa torinoNon calano soltanto le vocazioni, tanto da immaginare un futuro con pochissimi sacerdoti (e quei pochi quasi tutti stranieri). A scendere precipitosamente nel territorio dell’arcidiocesi subalpina sono anche i matrimoni in chiesa. Nel 2012, infatti, sono stati celebrati 2.756 matrimoni, rispetto ai 2.882 del 2011.

 

La notizia è stata fornita all’inaugurazione del 75mo Anno Giudiziario da don Ettore Signorile,  vicario giudiziale del Tribunale Ecclesiastico regionale del Piemonte . In tutto sono 116 le cause di nullità di matrimonio decise nel 2013 dal  Tribunale Ecclesiastico: 92 hanno con esito affermativo (annullamento del matrimonio) e 24 negativo.

 

Sarà anche per la concorrenza dei matrimoni civili che il Comune, da un po’ di tempo a questa parte organizza nelle sedi auliche della Città? Per poter celebrare il matrimonio in una di queste location prestigiose, lo ricordiamo, bisogna effettuare il pagamento di 2.000 euro nel caso si scelga una di queste sedi: Mole Antonelliana, Palazzo Madama, Teatro Carignano, Borgo Medievale, Museo del Risorgimento. Nel caso si opti per il più tradizionale Palazzo Civico,  la tariffa è di 800 euro.

 

(Foto: il Torinese)