occhiali libro

L’isola del libro

RUBRICA SETTIMANALE A CURA DI LAURA GORIA

 

Evan Hunter “Le strade d’oro” -Neri Pozza- euro 20,00

Evan Hunter è nato a New York nel 1926 con il nome di Salvatore Albert Lombino, figlio di seconda generazione dell’emigrazione italiana negli Stati Uniti.

Nel 1952 con un atto legale lo ha cambiato in Evan Hunter, e nel corso della sua vita -conclusa con la morte nel 2005 in Connecticut- ha pubblicato oltre 250 opere, molte firmate con lo pseudonimo Ed McBain e svariati altri “nom de plume”.

I suoi libri hanno ispirato parecchi film e lui è stato anche uno sceneggiatore di rilievo; per dare l’idea, tra le sue incursioni nel mondo del cinema c’è la sceneggiatura de “Gli uccelli” di Alfred Hitchcock.

Stiamo parlando di uno dei più grandi autori di letteratura (gialla) del Novecento, (prolifico al pari dell’altro mostro sacro Georges Simenon), che ha raggiunto la fama planetaria con l’avvincente epopea dei detective dell’87simo distretto.

Nel 1974 scrisse e pubblicò “Street of gold”, ovvero “Le strade d’oro”, ora finalmente tradotto da noi.

Un libro strepitoso in cui rende omaggio alle sue radici italiane e racconta infiniti pensieri, vite, avvenimenti, che danno l’idea delle grandi opportunità offerte dall’America a chi attraversava l’oceano per inseguire un futuro migliore di quello possibile in patria.

Opera a cavallo tra fantasia e storia familiare in cui racconta se stesso attraverso il personaggio di Blind Ike, jazzista cieco cresciuto nella comunità italoamericana newyorkese, diventato famoso e ricco (proprio come Evan Hunter).

L’autore considerava questo il suo libro migliore, una saga familiare lunga 80 anni che attinge sia alla fantasia che ai reali ricordi; una famiglia che anche se non è la sua, le somiglia parecchio.

Per lui fu fondamentale la figura del nonno materno, Giuseppantonio Coppola, che aveva abbandonato la miseria della Lucania per emigrare in America dove trovare riscatto anche morale.
A lui ha dedicato questo romanzo che, attraverso molteplici personaggi, celebra un grandioso affresco degli States dove gli emigrati laboriosi, intraprendenti e più fortunati avevano trovato “strade d’oro” e nuove opportunità.

465 portentose pagine in cui, tra vicende private e miti famosi, Hunter si sofferma e si interroga sul sogno americano e su stesso, a partire dalle sue origini. Un romanzo che ricorda molto la grandezza delle saghe italoamericane del regista Martin Scorsese.

 

Christopher Isherwood “Il mondo di sera” -Adelphi- euro 21,00

Pubblicato nel 1954 è uno dei romanzi meno conosciuti del grande scrittore inglese, eppure racchiude pagine bellissime.

Il romanzo inizia a Hollywood nei primi anni Quaranta del Novecento, con il fastoso ricevimento in una villa di personaggi del cinema e la voce narrante è quella di Stephen Monk, habitué un po’ disadattato di questi eventi. Più che altro è preoccupato per il comportamento della bellissima moglie Jane che si apparta con un corteggiatore. Scoperta la tresca esplode in una scenata di gelosia, poi corre all’aeroporto e sale su un aereo che lo catapulta all’altro capo del continente.

Si rifugia presso la comunità quacchera dove abita Sarah, donna accogliente che lui chiama zia, ma che in realtà è l’amica di famiglia che l’ha cresciuto dopo la morte dei genitori. Poi viene travolto da un furgone e finisce ingessato dalla testa ai piedi. Immobilità che lo obbliga a fermarsi e riflettere sulla sua vita.

Ed è un tuffo nel passato, negli anni Venti e Trenta, quando era giovane, alto, biondo, attraente, senza occupazione se non vivere agiatamente dell’eredità ricevuta, che però altri amministrano per lui. E’ allora che conosce la famosa scrittrice Elizabeth Rydall: lui all’epoca ha 20 anni, lei 12 di più. Si innamorano e si sposano; sarà un matrimonio riuscito e felice per oltre un decennio. Viaggiano in lungo e in largo per il mondo; lei scrivendo e lui battendo a macchina i manoscritti. Vivono in perfetta simbiosi e si adorano. Poi ci sarà un pericoloso aborto spontaneo che la porterà in punto di morte e il progressivo declino della salute di lei.

Un legame che ebbe anche zone d’ombra, come, sul finire della vita di Elizabeth, l’incontro di Stephen con Jane. E’ soprattutto attrazione fisica, ma una volta rimasto vedovo finisce per sposarla, pur se in preda a parecchi rimorsi.

Le pagine più riuscite sono quelle dedicate al legame con la prima moglie, donna matura e comprensiva che seppe superare anche una breve liaison di Stephen con un giovane innamorato di lui.

 

Helga Schubert “Alzarsi” -Fazi Editore- euro 18,00

Helga Shubert, nata a Berlino nel 1940, scrittrice, sceneggiatrice e psicoterapeuta ha vissuto nella Repubblica Democratica Tedesca fino al 1990, e in questo romanzo-memoir incrocia la sua storia personale con quella europea.

Ci sono la seconda guerra mondiale, Berlino e la costruzione del Muro che la trancia in due destini diversi, la Stasi, poi la riunificazione e un nuovo inizio con elezioni libere alle quali la Shubert ha collaborato.

Voce narrante dei tanti frammenti che costellano la sua vita è quella di Helga, e inizia con l’immagine di lei bambina che dondola su un’amaca nel giardino della nonna, nella Germania dell’Est nel 1947. Potrebbe essere una scena idilliaca se non fosse che la piccola è rimasta orfana del padre quando aveva appena un anno.

Il giovane soldato di 28 anni 3 mesi e 1 giorno era stato dilaniato sul Volga da una bomba a mano il 5 dicembre del 1941, ma la notizia sarà comunicata alla moglie solo un mese dopo. E’ il primo trauma devastante nella vita di Helga che quel padre non l’ha mai conosciuto. Di lui, che si era appena laureato in Giurisprudenza e aveva trovato lavoro come praticante presso la Corte d’Appello di Berlino, le restano i racconti di famiglia e le 184 lettere che dal fronte aveva scritto alla giovane compagna di studi diventata sua moglie, rimasta incinta poco prima che il marito fosse arruolato.

Il seguito è il racconto crudo e drammatico della vita della piccola alle prese con una madre fredda, indurita dalla vita, dalla vedovanza straziante, dalla povertà e dall’affanno di sopravvivere in tempo di guerra.

Una madre distante e di indole anaffettiva che la porta con sé durante la fuga durante la Seconda Guerra Mondiale. Pagine toccanti e oneste che assemblano le vicende personali della protagonista con i rivolgimenti storici.

In “Alzarsi”, che Helga riesce a scrivere solo dopo la madre della madre, ripercorre le tappe più significative della sua vita. Il suo crescere tra mille difficoltà nella DDR, dove studia e diventa psicoterapeuta, intellettuale brillante e acuta, controllata dalla temibile Stasi. Autrice di testi teatrali, programmi televisivi e sceneggiatrice, troverà un nuovo promettente inizio con la caduta del Muro, il fatidico 9 novembre 1989, che apre finalmente l’accesso alla libertà.

 

Pierre Lemaitre “Il silenzio e la collera” -Mondadori- euro 23,00

E’ il secondo volume del nuovo ciclo di romanzi che lo scrittore francese 72enne -Premio Goncourt nel 2013- dedica ai “trent’anni gloriosi” di crescita economica e sociale del secondo dopoguerra; che però lasciarono molti francesi in un angolo privo di prospettive. In tal senso l’opera di Lemaitre è anche un grande romanzo sociale che si presta a più registri di lettura e vanta l’accurata ricostruzione storica di una Francia perbenista e ipocrita, tra nostalgie pètainiste e “grandeur”.

Ritroviamo i protagonisti del precedente “Il gran mondo”, i figli Pellettier ormai lontani da Beirut, ognuno per la sua strada. Siamo nel 1952 e la giovane Helene Pellettier aspirante fotoreporter (amante del direttore del prestigioso giornale per cui lavora), viene inviata a Chevrigny. Paesino della provincia francese che sarà sommerso a breve per consentire l’inaugurazione di una diga. Il progetto è quello di spazzare via la vita rurale e lenta dei primi anni cinquanta della valle, per aprire l’accesso a modernità, benessere e progresso.

La distruzione del paese è la metafora portante del romanzo, l’acqua scorrendo dovrebbe sommergere e seppellire segreti e misteri. In realtà la trama converge su tre luoghi emblematici della storia: Parigi, Beirut e Chevrigny.

La narrazione si concentra sui misteri e i conflitti che attraversano le esistenze dei Pellettier.

Il patriarca Louis vive a Beirut e manda avanti con successo il saponificio che ha creato e fatto la sua fortuna; vuole che ogni anno a febbraio i figli, anche se ormai verso altri lidi, partecipino alla cerimonia in onore dell’apertura dell’azienda. La moglie Angèle, solo apparentemente sottomessa, è felice soprattutto di riunire la prole.

Il figlio maggiore Jean è il solito pingue indolente, soprannominato “Bouboule”, che ha investito tutti suoi averi per aprire un grande magazzino. Sempre sposato con l’orribile e perfida Geneviève che lo umilia continuamente; lui sfoga la sua rabbia e i suoi impulsi in modo decisamente borderline che scoprirete leggendo.

L’altro figlio Françoise invece è giornalista presso lo stesso giornale per cui lavora Helene…ed è innamorato della misteriosa Nine. Tutti mentono e ingarbugliano le loro vite nascondendo segreti indicibili. E Lemaitre è abilissimo nel seguire le complicate vite dei personaggi, mentre scrive un romanzo che è anche potente denuncia sociale.

Leggi qui le ultime notizie: IL TORINESE

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo Precedente

Oltre 200 persone identificate dalla polizia a Porta Nuova

Articolo Successivo

L’importanza della memoria europea: il “Pannunzio” ricorda la risoluzione parlamentare

Recenti:

L’isola del libro

RUBRICA SETTIMANALE A CURA DI LAURA GORIA   Olivia Manning “La grande fortuna” -Fazi Editore- euro

IL METEO E' OFFERTO DA

Auto Crocetta