Lazzaretti. Fu delitto di Stato

in CULTURA E SPETTACOLI

David Lazzaretti, barrocciaio autodidatta, nel 1868, ricevuta ‘l’illuminazione’ a 34 anni, iniziò nella regione del Monte Amiata una predicazione millenaristica di totale rinnovamento religioso. Dapprima il Governo e la Chiesa guardarono a lui con occhio benevolo, pensando di poterne sfruttare la figura nei difficili anni successivi all’Unità d’Italia, ma quando fondò una comunità cristiana su basi solidaristiche e giunse  a proporre una nuova cosmogonia che lo voleva ‘secondo figlio  di Dio’ accanto a Gesù i potenti lo abbandonarono e una pallottola in fronte in uno scontro con la forza pubblica pose fine alla sua vita.

Sabato il Centro Studi che porta il suo nome, di Arcidosso, in Provincia di Grosseto, in collaborazione con l’Archivio di Stato di Grosseto, il Museo delle Civiltà di Roma, l’Istituto centrale per la Demoetnoantropologia di Roma ha organizzato un convegno su ‘Il processo ai seguaci di David Lazzaretti – Corte d’Assise Siena 1879’ che si è svolto nella sala del consiglio comunale della città toscana. Tra i relatori c’era anche il Roberto Gremmo, autore, tra le sue diverse opere del libro ‘Davide Lazzaretti. Un delitto di Stato’ edito per i tipi di Storia Ribelle, nel 2002. Il suo contributo si è soffermato su ‘Il delegato di pubblica sicurezza Carlo De Luca al processo di Siena’. “C’è un legame con il Piemonte – spiega Gremmo, ricercatore e storico che si è soffermato più volte su aspetti in chiaroscuro della storia più o meno recente – ed è rappresentato da quel don Francesco Grignaschi al quale avevo dedicato nel 1997 un libro ‘Il Nuovo Messia e la Madonna Rossa’ andato da tempo esaurito”. In sostanza don Grignaschi, sacerdote della Val d’Ossola, in odore di eresia, venne allontanato dalla Diocesi di Novara, arrivò a Viarigi nell’Astigiano e si proclamò il ‘Cristo tornato sulla terra” e qui ebbe un seguito tra i contadini. Arrestato e cacciato in Francia scrisse un libro ‘Rivelazioni sull’Apocalisse’ che sarebbe stato scritto ‘alle sorgenti del Tevere’ e qui potrebbe avere avuto un collegamento con il giovane barrocciaio. Gremmo, nel suo intervento, si è soffermato sul particolare del carabiniere che colpì a morte Lazzaretti, poi ucciso in circostanze misteriose e sul delegato di polizia presente sul posto, che sarebbe stato legato ai servizi segreti. Insomma un mistero dell’Italia diventata da pochi anni uno Stato unitario, timorosa che quelle idee comnitarie di Lazzaretti potessero fare attecchire la pianta del socialismo utopistico del secolo scorso.

Alla figura di Lazzaretti ha dedicato anche un libro Arrigo Petacco qualche anno fa, ‘Il Cristo dell’Amiata’, mentre il vincitore di Sanremo, Simone Cristicchi ha portato in scena una piece teatrale a partire dal 2015.

Massimo Iaretti