Truffa dello specchietto a Mirafiori

in BREVI DI CRONACA
Arrestato dalla Polizia di Stato l’autore
La tecnica è consolidata: viene scelta la vittima, preferibilmente auto di lusso e conducente di
mezza età, si attende una manovra del malcapitato, una retromarcia o l’uscita da un
parcheggio, poi, al momento giusto, si scaglia una batteria contro lo specchietto dell’ignaro
conducente impegnato alla guida per indurre la percezione del contatto tra i veicoli. A quel
punto chi fa il raggiro scende dall’auto e approccia la vittima: “facendo manovra ha
danneggiato lo specchietto, ha sentito la botta? non conviene compilare il CID, poi scatta
l’aumento dell’assicurazione… meglio i contanti. Con 50 euro siamo a posto”.
Un quarantenne, con precedenti per reati contro il patrimonio, alla guida di una Fiat Qubo, ci
prova la mattina del 5 ottobre. Prima tenta di truffare il conducente di una BMW in piazza
Galimberti, ma la vittima non cade nel tranello. Ci riprova poco dopo nei paraggi, davanti al
parcheggio del Bennet di via Taggia. Questa volta tocca al conducente di una Mercedes, ma gli
agenti del Commissariato Mirafiori, allertati dalla centrale operativa per il primo tentativo di
truffa, individuano il Qubo segnalato nei pressi del supermercato. Appena in tempo perché il
conducente della Mercedes ha già consegnato tutti i contanti disponibili al truffatore per il
quale scatta l’arresto. Il denaro è stato poi restituito alla vittima del raggiro. A bordo dell’auto
del truffatore, rinvenute e sequestrate 13 pile.