L’isola del libro

in CULTURA E SPETTACOLI

Rubrica settimanale sulle novità nel mondo dei libri

 A cura di Laura Goria

Karmen Korn “E’ tempo di ricominciare” -Fazi-   euro 20,00

E’ il secondo capitolo della trilogia scritta dalla giornalista e scrittrice tedesca Carmen Korn che racconta la sua città, Amburgo, attraversando la Storia, quella con la S maiuscola. Una saga al femminile che in Germania è diventata un vero e proprio caso editoriale. Ruota intorno all’amicizia tra quattro donne molto diverse tra loro, tutte nate nel 900 e travolte da due guerre mondiali, il nazismo e l’antisemitismo. In “Figlie di una nuova era” le avevamo conosciute nel pieno della loro giovinezza, intorno agli anni 20.Henny, ostetrica di buona famiglia; Käthe, di natali modesti, comunista convinta, insegue l’emancipazione; Ida ricca e viziata, ha sposato per convenienza l’intraprendente Friedrich Campmann, ma è innamorata del cinese Tian; Lina che ha avuto vita difficile ed è sopravvissuta grazie al sacrificio dei suoi genitori, letteralmente morti di fame per salvarla.Ora le ritroviamo nel 1949 a guerra finita, nazisti sconfitti, città ridotte in macerie e da ricostruire, vite da reimpostare.

Ed è tempo di ricominciare a vivere. Non vorrei svelare troppo, però posso anticiparvi alcune cose. Henny è riuscita a sposare il suo grande amore Theo; chissà se Käthe sarà davvero scomparsa come sembrava; Ida invece ha mandato all’aria il suo matrimonio ed ora è annoiata dal modesto menage con Tian; Lina riesce ad aprire con successo una libreria con la sua compagna Louise. Questi spunti sono solo l’inizio di più di 560 pagine in cui si affacciano anche personaggi nuovi, a partire dai figli di alcune protagoniste che imbastiscono le loro vite. Tutto sullo sfondo della ripresa economica tedesca, le rivoluzioni sociali degli anni 50-60, il Muro di Berlino, lo sbarco sulla Luna, la paura del nucleare…..insomma tante pagine di Storia vera in cui la Korn sguinzaglia i suoi personaggi….

 

Alessia Gazzola “Lena e la tempesta” -Garzanti-   euro 16,40

Dall’autrice della fortunatissima serie “L’allieva”, di straordinario successo anche in Tv, ora un romanzo in cui non ci sono delitti da risolvere, ma buchi dell’anima da riparare. Un libro ben diverso da quelli in cui a farla da padrona è l’anatomopatologa pasticciona, divertente e dotata di fiuto investigativo, Alice Allevi.Va detto che uno dei tanti   talenti della Gazzola è quello di farci comunque affezionare sempre e fin da subito alle sue eroine. In questo caso, protagonista è la giovane Lena, disegnatrice al momento in carenza di ispirazione, scarso conto in banca e solitudine a palla, che pensa: “Ho quasi trent’anni e una vita fatta di cocci che non riesco a rimettere a posto.

E’ arrivato il momento di fermarmi e guardare in faccia cosa o chi mi impedisce di farlo”.Nasconde un terribile segreto, un fattaccio di cui è stata vittima da ragazzina che crede sia stato perpetrato da un amico di famiglia, una violenza che ancora a distanza di tanti anni le impedisce di stringere relazioni affettive e le divora l’anima. Alle spalle ha una famiglia sgangherata. Il padre è uno scrittore famoso e di culto, ma irraggiungibile: si è separato dalla madre di Lena, risposato, ha fatto un altro figlio ed ora vive in America. La mamma di Lena è una folcloristica Metella, “lunga chioma color glicine, la grande borsa alla Mary Poppins e l’abbigliamento hippie”. Donna di grande ironia e anche un po’ sfasata: dopo il divorzio si è costruita il successo come scrittrice di romanzi d’amore sotto pseudonimo, ed ora vive a Parigi. Lena ha avuto in regalo dal padre la suggestiva villa sull’isola di Levura, un posto incantato, affacciato sul mare e un po’ lasciato andare. Per sopravvivere (in più sensi) dopo 15 anni di assenza, torna e pensa di rimettere a posto ed affittare la casa. Al contempo si organizza nella deliziosa minuscola dependance. Ma l’oasi di pace la ribalta anche all’indietro e in ricordi spiacevoli: perché è proprio lì a Levura che anni prima tutto è accaduto. Poi sulla sua strada ecco comparire un affascinante dottore. Si chiama Tommaso e vive nel faro a poca distanza dalla casa di Lena. E’ dotato di quel tanto di mistero che non guasta mai, anzi aggiunge pepe e intrigo alla storia. Riuscirà a scalfire e penetrare la fredda corazza della giovane? Mentre vi tuffate nel mare cristallino del romanzo, tra profumi di agrumi e scorci d’estate, scoprirete come va a finire…

 

Pino Imperatore “Con tanto affetto ti ammazzerò” -DeA Planeta- euro 15,00

Ritorna la squadra vincente inventata dallo scrittore e umorista napoletano Pino Imperatore, che abbiamo già conosciuto ed amato in “Aglio, olio e assassino”. L’ispettore di polizia Gianni Scapece, il commissario Carlo Improta e i membri della famiglia Vitiello, questa volta sono alle prese con un nuovo caso “blasonato”. Tutto inizia con la sparizione della baronessa Elena De Flavis durante la festa per i suoi 90 anni organizzata nell’avita dimora, Villa Roccaromana (una delle ville più belle di Posillipo) e del suo fedelissimo maggiordomo cingalese Kiribaba. All’evento -oltre alla crème de la crème di nobiltà, borghesia e mondo intellettuale ed artistico partenopeo- sono stati invitati anche il commissario Carlo Improta e l’ispettore Gianni Scapece che, impotenti, assistono a una scena apocalittica che non vi sto a dire. Ed ecco il primo di tanti colpi di scena. Rapimento o altro? La baronessa discende da un illustre casato ed ha un ingente patrimonio di svariati miliardi. E’ conosciuta da tutti per la sua generosità e l’impegno costante nell’aiutare persone meno fortunate di lei, insomma è una grande filantropa con una moralità eccelsa. Peccato discendano dai suoi lombi tre figli per molti aspetti pericolosamente borderline.

Due, Roberto ed Emilia, avuti dal primo marito e il loro fratellastro Simone nato dal secondo matrimonio. Tre sfaccendati meschini, che si detestano l’un l’altro, covano rancori e gelosie divoranti. Ma, soprattutto, sono in attesa come avvoltoi dell’eredità dell’odiata madre. Già perché la Baronessa fin da quando erano piccoli ha assistito alle loro cattiverie e non è riuscita a raddrizzarli; una volta cresciuti non è che i loro animi si siano raffinati, anzi…Lei li ha sistemati in tre splendide dimore, ad Ischia, Capri e Sorrento, tre perle del golfo di Napoli, dove vivono nel lusso senza fare niente di positivo. Nullafacenti e spendaccioni, sono le spine nel cuore della nobildonna che li tiene a stecchetto quanto a contanti. Unica luce è la nipote Naomi, figlia di Emilia, che però grazie a Dio ha ereditato il Dna della nonna e non quello della madre. Questo il frastagliato quadro in cui si inserisce il mistero che è un susseguirsi di tanti colpi di scena, episodi tragici, altri esilaranti, e con una morale finale ben precisa che lascio a voi scoprire.