Presi dopo l’inseguimento con la refurtiva nell’auto

in BREVI DI CRONACA

Nei giorni scorsi presso lo svincolo di uscita della Torino-Caselle,  una Fiat Croma con a bordo due cittadini di nazionalità moldava, transitando davanti ad una pattuglia della Polizia Stradale in servizio con il dispositivo “STREET CONTROL” – una telecamera che controlla in automatico se un veicolo è revisionato e regolarmente assicurato – è stata sorpresa a circolare senza assicurazione.

L’alt imposto dagli agenti veniva ignorato dal conducente, che si dava alla fuga in direzione di via Massari dove, dopo un rocambolesco inseguimento, la Fiat Croma è stata abbandonata dai due occupanti che, nel tentativo di far perdere le loro tracce, hanno proseguito la fuga a piedi.

I tre agenti della Stradale, coadiuvati da personale Squadra Volante della Questura di Torino sopraggiunto nel frattempo, inseguivano e bloccavano i due fuggitivi nelle sterpaglie di un campo lì vicino.

All’interno dell’auto, risultata rubata ad Alba un mese prima, sono stati rinvenuti  1560 € in contanti, due anelli e un orologio in oro e degli attrezzi utili allo scasso; il tutto veniva sequestrato ed ora è disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torino.

Il passeggero, una volta denunciato in stato di libertà per resistenza a Pubblico Ufficiale e ricettazione, veniva trattenuto negli Uffici della Questura a disposizione dell’Ufficio Immigrazione per l’avvio delle pratiche di espulsione, mentre per il conducente è scattato l’arresto con l’immediata carcerazione presso la Casa Circondariale “Lorusso e Cotugno” di Torino.

Il conducente, infatti, a seguito degli accertamenti svolti in Questura, risultava da ricercare perché, dopo essere evaso dagli arresti domiciliari, concessi dal Tribunale dopo una precedente condanna, doveva scontare la pena in Carcere come previsto dalla Corte d’Appello di Torino.

M.iar.