Lungo la rotta balcanica

in Dall Italia e dal Mondo

Viaggi compiuti spostandosi solo con mezzi pubblici, per incontrare e dare voce ai vissuti di donne e uomini, protagonisti loro malgrado di una delle più tragiche pagine della storia dell’umanità del nostro tempo
 

Lungo la rotta balcanica” è il racconto di un viaggio sulla principale porta d’ingresso all’Europa e per la quale sono transitate oltre un milione di persone. Anna Clementi, operatrice e mediatrice linguistico-culturale presso il Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati di Venezia, ha vissuto per alcuni anni in Siria e in Palestina. Diego Saccora opera all’interno del sistema di accoglienza del Comune di Venezia nell’ambito dei minori stranieri non accompagnati e da tempo è impegnato nel promuovere iniziative a favore dei giovani in Bosnia Erzegovina. Insieme hanno scritto questo libro importante, pubblicato da Infinito Edizioni. Due viaggi. Il primo, nel 2015, dall’Italia alla Grecia, da Venezia a Idomeni, in direzione “ostinata e contraria” del flusso dei migranti.L’altro,un anno dopo, attraverso Slovenia,Croazia,Serbia, Macedonia, Grecia, Albania e Kosovo. Viaggi nel fango dei campi profughi, in mezzo a donne e bambini incatenati dalla burocrazia; tra le reti e i muri che hanno reso di nuovo l’Europa un continente diviso e ostile; tra sogni che s’infrangono contro la dura realtà fatta di respingimenti e di campi di raccolta in Grecia e in Turchia e in qualunque altro Paese non faccia parte dell’Unione europea. Viaggi compiuti spostandosi solo con mezzi pubblici, per incontrare e dare voce ai vissuti di donne e uomini, protagonisti loro malgrado di una delle più tragiche pagine della storia dell’umanità del nostro tempo.

.

Questo libro, come scrive il giornalista Lorenzo Trombetta, che vive e lavora in Libano dal 2005, dove è uno dei due corrispondenti per l’ANSA dal Medio Oriente,“si inserisce nello sforzo di raccogliere quante più storie possibile perché rimangano oltre la cronaca destinata all’oblio. Perché nessuno merita d’essere dimenticato”. Viaggi lungo la “balkan route”, fuggendo dal dramma del conflitto siriano, da fame e guerra, violenze e assoluta negazione di ogni futuro. Persone che impiegano anni che sembrano secoli in questo doloroso peregrinare. Storie di chi proviene da Bab Amro, uno dei sobborghi che fino al 2011 era tra i più depressi di Homs, terza città del Paese e polo industriale della Siria prima del conflitto. Di chi di dal 2012 è stato costretto a vivere in tende e catapecchie tra Tripoli, in Libano, e il confine siriano. In patria erano imbianchini, artigiani, tassisti, operai. Alcuni avevano possedevano terreni, tutti avevano la casa di proprietà. Avevano una dignità e riuscivano ad arrivare a fine mese. Ora gioiscono, e discutono, perché uno di loro è riuscito ad arrivare vivo all’altro capo del mondo – nei paesi scandinavi come la Svezia che appare quasi come la terra promessa – pagando poco più di cinquemila euro. Ogni storia ne apre altrettante, innumerevoli, infinite.Disperderle, dimenticarle equivarrebbe ad un misfatto insopportabile, intollerabile. Quindi vanno raccontate, oltre alla cronaca che dura lo spazio di un fotogramma, di qualche riga su un quotidiano. Si possono costruire altri muri, raddoppiare il filo spinato ma i confini non possono fermare chi è disperato, trascorre notti e giorni all’addiaccio, nei campi, sotto la pioggia, con poca acqua e scarso cibo. “Lungo la rotta balcanica” racconta, con lucida intensità, la forza e la dignità di questi “esiliati” che esercitano il diritto di attraversare i territori alla ricerca di una speranza, dopo aver voltato le spalle a guerre, rapine e violenze.

Marco Travaglini

 

Le foto sono di Paolo Siccardi, giornalista e fotoreporter free-lance torinese