Psicosi per l’assassino Visto ai Murazzi ma era falso allarme

in prima pagina
Un certo clima di paura si respira in città  dopo l’omicidio, esattamente una settimana fa , di Stefano Leo, il trentatreenne sgozzato con un affilato coltello in lungo Po Machiavelli, ai Murazzi, vicino a Piazza Vittorio Veneto. Questa mattina una donna che abita in corso San Maurizio ha chiamato la polizia per segnalare la presenza di un uomo che, con aria sospetta, camminava proprio nei pressi della scena del crimine. La questura  ha immediatamente inviato sul posto due volanti e due moto di servizio, ma era un falso allarme. I carabinieri, intanto, proseguono nelle indagini. A uccidere  Stefano con un taglio netto alla gola sarebbe stato un uomo sulla trentina, con i capelli lunghi e rasati sulle tempie.