“Un grazie per lo sgombero dell’Asilo”

in BREVI DI CRONACA

La lettera del Comitato spontaneo “INSIEME PER AURORA”  inviata a Prefetto, questore, sindaco di Torino e autorità 


Siamo il comitato spontaneo di cittadini Insieme per Aurora. Tutti noi risiediamo evidentemente nel “Quartiere Aurora” nella circoscrizione 7 e molti di noi  risiedono a poche centinaia di metri dall’asilo sgomberato. Anche per questo motivo ci sentiamo particolarmente motivati e in dovere di esprimere un enorme  ringraziamento sia all’Amministrazione Comunale che alle Forze dell’Ordine compresa la Procura  della Repubblica. All’amministrazione comunale perché ha avuto il coraggio politico, e non solo, per affrontare  seriamente e onestamente il problema, onorando gli impegni presi con i cittadini del quartiere e dopo  25 anni giungere finalmente allo sgombero tanto atteso e sperato in tutti questi anni dai noi residenti.  Decisione presa con coraggio anche personale tanto è che la Sindaca è stata dotata di una scorta, cosa  mai verificatasi a Torino. Alle Forze dell’Ordine per la fatica di tutti questi giorni, il grande sangue freddo dimostrato a non
cadere nelle pesanti provocazioni di questi 30 pseudorivoluzionari da quattro soldi e per aver
contrastato tanta inutile violenza con ferma consapevolezza limitando i danni e non innestando
meccanismi di guerriglia urbana. Così come vi siete mossi avete messo in evidenza, di fronte a tutti, la povertà culturale sociale e  progettuale di costoro, pericolosi e violenti detti “antagonisti” Vorremmo poi, come residenti del quartiere, prendere una posizione entusiasta a favore dello  sgombero!!  In questi giorni sui media c’è una sorta di revisione, in chiave critica, di questa decisione. Ci sono voci  che parlano in difesa di culture alternative, di commercianti che non si accorgevano della loro  presenza, di taluni che si interrogano dicendo “ma che fastidio davano?”, di altri che commentano “ma  se sono sempre stati li potevano rimanere” ecc. ecc.
Bene tutto ciò non corrisponde a verità! Lo possiamo dire con precisione, senza appello, noi residenti e  “vicini di casa” che questa realtà, quotidianamente, da anni abbiamo dovuto subirla!!
Per iniziare la “cultura alternativa”, a cui qualcuno fa riferimento, è alternativa o meglio antagonista  solo alla democrazia, infatti questi soggetti in tutti questi anni non hanno mai aperto quel luogo ad un  dibattito/ incontro /scontro/scambio con il quartiere (peraltro proprietario insieme alla città di  quello spazio) ma anzi si sono blindati al suo interno. La “comunicazione” l’hanno fatta imbrattando continuamente tutto il quartiere, e dico TUTTO!, con scritte oscene dove si esprime la volontà di  portare degrado nel medesimo o inneggianti alla morte di poliziotti e carabinieri. Sui muri della scuola Parini frequentata dai bambini delle elementari il comune o i volontari non fanno  in tempo a rimuoverle che notte tempo ricompaiono e pensate al messaggio dato a quei bambini. La cultura alternativa alla democrazia, di tali soggetti, li spinge a fare scritte minatorie sotto casa di  alcuni di noi (la consigliera di circoscrizione Alessi e il senatore Airola)
La cultura alternativa di costoro li spinge con metodi squadristi ad organizzare azioni di “disturbo”
fatta di molotov ad incendiare cassonetti e bombe carta per spaventare presso il polo Lavazza reo di  portare riqualificazione nel disastrato panorama economico e commerciale del quartiere.
I commercianti che poi non notano la loro presenza, li capiamo, non possono dire altro, loro ci
mettono la faccia e la loro attività ma basta guardare fuori dai loro negozi o sulle loro saracinesche  imbrattati come tutto il resto per capire che risulta difficile credere che non si accorgano della loro  presenza. Oltre a queste edificanti campagne di comunicazione/intimidazione, gli alternativamente democratici  si sono distinti negli ultimi tempi nella protezione degli spacciatori arrivando a circondare più volte le  volanti intervenute per eseguire arresti di trafficanti di morte e riuscendo spesso ad impedirlo!!!  Da questo si evince la loro posizione sulla droga e sui trafficanti di morte che nel nostro quartiere sono  già abbondantemente presenti e operanti e rappresentano un forte pericolo basta andarsi a leggere  tutte le vicende del Giardino Alimonda e Madre Teresa di Calcutta (luoghi scelti come centrali di  spaccio), giardini e aree verdi deliziose che spesso sono infrequentabili ai più. Si impegnano violentemente contro l’ esecuzione degli sfratti e promuovono attivamente  l’occupazione abusiva di immobili, basta dare un occhiata agli immobili in questione per capire se è  più debole lo sfrattato o l’esecutore del medesimo. Praticano il loro concetto di democrazia impedendo/disturbando le assemblee aperte ai cittadini nella  sede della circoscrizione 7 in particolare quando con tutte le componenti sociali del quartiere si cerca  di discutere/progettare riqualificazione. Queste sono alcune delle cose che noi residenti per anni abbiamo dovuto subire  senza essere ascoltati ed ora non permetteremo a nessuno di travisare la verità
vera !!

Comitato Spontaneo “Insieme per Aurora”

Recenti: BREVI DI CRONACA

Da qui si Torna su