Bomba nel Po, ecco come verrà disinnescata

in BREVI DI CRONACA

Nella mattinata di mercoledì 16 gennaio si è tenuta presso la Prefettura di Alessandria la seconda riunione di coordinamento relativa alla messa in sicurezza e alla disattivazione di un ordigno risalente alla seconda guerra mondiale rinvenuto il 7 gennaio scorso nell’alveo del Fiume Po

Foto archivio: Ministero dell’Interno

 

 nelle immediate vicinanze del ponte ferroviario e stradale di Valenza, durante lavori di pulizia del manufatto. All’incontro erano presenti, oltre ai Dirigenti delle Prefetture di Alessandria e Pavia, il sindaco di Valenza, Gianluca Barbero accompagnato dai Tecnici comunali e dal Comandante la Polizia Locale, i Sindaci di Bozzole e Pomaro Monferrato, Ugo Baldi e Mirco Amisano, i rappresentanti della Regione Piemonte, dell’Amministrazione Provinciale, del Comando Truppe Alpine di Bolzano, del 32° Reggimento Genio Guastatori di Fossano, delle Forze di Polizia territoriali, della Polizia Ferroviaria, della Polizia Stradale, dei Vigili del Fuoco, dell’Ispettorato territoriale Piemonte e Valle d’Aosta del Ministero Sviluppo Economico, dell’Agenzia Interregionale per il Fiume Po (AIPO), del Parco Fluviale del Po, del Servizio di emergenza sanitaria 118, della Croce Rossa Italiana (CRI), di Rete Ferroviaria Italiana (RFI), dell’ENEL, della TELECOM e delle Società che gestiscono oleodotti, metanodotti, condotte d’acqua e reti informatiche nelle vicinanze del sito. Durante la riunione sono state decise la data e le modalità dell’intervento di disattivazione dell’ordigno a cura degli Artificieri dell’Esercito. In particolare, nell’ottica di procurare il minor disagio possibile per la cittadinanza, è stata scelta definitivamente la data di domenica 20 gennaio prossimo, in un arco temporale compreso tra le ore 9.00 e le ore 17.00. E’ stata inoltre confermata la necessità di evacuare una zona di 600/700 metri intorno ai luoghi di rinvenimento e di disattivazione e di ordinare il riparo al chiuso ed il divieto di accesso e circolazione in un’ulteriore zona compresa entro il raggio di 1.800 metri dai predetti luoghi, oltre alla sospensione della circolazione stradale e ferroviaria nei tratti interessati e al relativo divieto di sorvolo. In pratica, con l’eccezione di alcune case sparse che dovranno essere evacuate, le misure di precauzione interesseranno solo il centro abitato di Monte Valenza e le campagne circostanti dei Comuni di Valenza, Bozzole e Pomaro Monferrato e della limitrofa Provincia di Pavia.

M.Iar.

 

 

Tags:

Recenti: BREVI DI CRONACA

Da qui si Torna su